Cultura

Musica, danza e contaminazione: la resistenza di due artisti al lockdown

Ha la base in Franciacorta il progetto del cantautore Daniele Gozzetti e della ballerina Abby Silva Gavezzoli.

Musica, danza e contaminazione: la resistenza di due artisti al lockdown
Cultura Sebino e Franciacorta, 13 Febbraio 2021 ore 15:55

di Stefania Vezzoli

Storie di destini incrociati fra musica e danza, fra Italia e Stati Uniti, con la Franciacorta a fare da epicentro della connessione artistica. Un duetto con due protagonisti: un cantautore di Paderno Franciacorta dall’anima rock che si cimenta con un brano classico del songwriting americano e una ballerina professionista di successo, nata a New Orleans, trasferitasi per amore a Rovato.
Tra i settori più colpiti dalla pandemia c’è indubbiamente quello dell’arte e della cultura. Ma nonostante le difficoltà c’è chi, come Daniele Gozzetti e Abby Silva Gavezzoli, nella lontananza forzata dal palcoscenico ha trovato lo stimolo per intraprendere nuovi progetti. E’ uscito giovedì 11 febbraio il videoclip della cover di “Blues run the game”, celebre pezzo di Jackson C. Frank: un luminoso atto di resistenza al buio del lockdown in cui, diversamente da quanto accade normalmente, è stata la danza a ispirare la musica, e non il contrario.

Musica, danza e contaminazione

L’incontro tra Abby  Silva Gavezzoli e Daniele Gozzetti è avvenuto, come spesso accade, per caso. Ne è scaturita una sintonia tra due mondi diversi: non solo danza e musica, ma anche America e Franciacorta.  L‘idea della ballerina di un progetto basato su “Blues run the game” è stata accolta con entusiasmo dal cantautore franciacortino. “La sua proposta è arrivata in un momento personale difficile – ha rivelato – Questo stimolo ha riacceso in me la voglia di pensare e creare, è stata una sorta di salvagente”. Lo stesso intimo bisogno di sopravvivenza artistica avvertito dalla danzatrice della Parsons Dance Company. “Il progetto con Daniele è arrivato nel momento perfetto non solo per sopravvivere, ma per andare oltre”, ha sottolineato.

Il videoclip

Il videoclip, visibile su YouTube (https://www.youtube.com/watch?v=nIeqdu8A1O4), è stato girato nella sala Zenucchini, ex teatro San Carlo, di Rovato e all’Ottava di Brescia; il montaggio è stato affidato Jonathan Lee dello studio Bizzle di Los Angeles. Alla chitarra acustica in fingerpicking si aggiungono la chitarra di Paolo Cavagnini e il pianoforte di Max Comincini e l’armonica, suonata dallo stesso Daniele Gozzetti. La musica scandisce i sinuosi movimenti del corpo, la danza amplifica le atmosfere evocate della musica, ritmo e plasticità scorrono all’unisono mentre il bianco e nero si tinge via via di nuovi colori. Nel senso di solitudine raccontato dalla canzone, rivisitata con piccoli interventi musicali in una cover delicata e rispettosa dell’originale, si condensa il sentimento condiviso da tanti artisti in balia della pandemia. Ma nell’opera c’è anche un messaggio di speranza, di rinascita, attraverso la contaminazione che allarga gli orizzonti.

I protagonisti

Due professionisti, diversi per provenienza e percorso artistico, ma che hanno trovato un punto di convergenza proprio nel territorio della Franciacorta, dove entrambi risiedono. Daniele Gozzetti è nato nel 1973 a Orzinuovi e vive a Paderno Franciacorta. Dopo gli esordi legati alla scelta del dialetto come linguaggio espressivo, nel 2009 il terzo disco, completamente in italiano prodotto dall’etichetta indipendente Viola pop Record e preceduto da una serie di aperture in acustico ai concerti di Omar Pedrini, ha segnato una svolta nella sua carriera artistica. Nel gennaio 2013 il video della sua canzone, “Pcb”, è stato trasmesso da Rai Tre nel programma Ambiente Italia. E’ del 2015 il suo lavoro che comprende il cd “In balia di forze oscure” e il fumetto “A Milano”, con disegni di Paolo Zingarelli. A fine 2017 il singolo “Cosmic” ha inaugurato un nuovo corso fatto di collaborazione e sperimentazioni in cui rientra anche “Blues run the game”. Abby Silva Gavezzoli è nata a New Orleans e a 18 anni si è trasferita a New York City per studiare danza. Dopo la laurea ha lavorato per 16 anni con la compagnia Parsons Dance come ballerina (ha ballato nei teatri di danza contemporanea più importanti al mondo) e insegnante. Ha inoltre danzato per 7 anni al Metropolitan Opera. Da settembre 2018 si è trasferita in Franciacorta, a Rovato, con la famiglia.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli