Cultura
a cologne

Mostra con i dipinti di Angelo Celsi e laboratori per celebrare Dante Alighieri

L’esposizione che verrà aperta sabato prossimo è stata organizzata grazie alla collaborazione con la fondazione Creberg.

Mostra con i dipinti di Angelo Celsi e laboratori per celebrare Dante Alighieri
Cultura Sebino e Franciacorta, 02 Ottobre 2021 ore 10:00

Cinque laboratori per bambini e una mostra di pregio allestita grazie a un nuovo accordo tra l’assessorato alla Cultura di Cologne e la fondazione Creberg per celebrare i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

Mostra e laboratori per celebrare Dante Alighieri

"Abbiamo organizzato cinque laboratori per i bambini legati alla figura di Dante e alla vita nel Trecento - ha spiegato l’assessora alla Cultura, Giuseppe Bonardi - Oltre alle letture organizzate quest’estate nel cortile del Comune, ora con le disposizioni sanitarie è possibile organizzare sia i laboratori che l’esposizione. Le attività toccano più discipline di cui si è interessato il Sommo Poeta e si terranno per tutto il mese di ottobre".

La partecipazione ai laboratori organizzati in collaborazione con Cologne Events è gratuita, ma è necessaria la prenotazione in biblioteca telefonando 030.7058146 o scrivendo a biblioteca@comune.cologne.bs.it. I bambini fino a 11 anni potranno accedere alla sala consiliare liberamente, mentre i genitori o gli accompagnatori dovranno esibire il green pass.

Il primo appuntamento è per oggi, sabato 2 ottobre, alle 14.30 con "Dante e la Divina Commedia". Dopo una breve introduzione alla storia di Dante e della Commedia i bambini saranno coinvolti nella realizzazione della corona d’alloro, simile a quella del Sommo Poeta.

L'esposizione in collaborazione con la fondazione Creberg

"La mostra “Persone e Personaggi della Divina Commedia” rappresenta una nuova tappa del progetto pluriennale realizzato dalla fondazione Credito Bergamasco e dedicato ai territori locali per indagare, attraverso suggestioni creative, temi di straordinaria attualità - ha proseguito l’assessore - L’esposizione, realizzata con i dipinti dell’artista Angelo Celsi, dopo l’eccezionale affluenza di pubblico delle tappe precedenti che hanno visto a Cologne le opere del Romanino, del Pitocchetto e del Ghirlandaio, prosegue il suo itinerario al di fuori della provincia bergamasca, giungendo in terra bresciana".

Quindici sono le opere ambientate nell’Inferno, sette nel Purgatorio e tre nel Paradiso, per lasciare maggior spazio alla cantica dalle tinte più marcate e dalla maggiore drammaticità. "Ripercorrere il cammino di Dante consente di tornare alle radici comuni della nostra cultura, all’italianità e ai suoi valori fondanti, alla grandezza del genio italico, trasmettendo un messaggio di orgoglio, di fiducia nel futuro, di consapevolezza dei nostri mezzi (intellettuali e morali) che ci derivano dalla nostra storia e dalla nostra tradizione", ha sottolineato Angelo Piazzoli, presidente della fondazione Creberg e curatore dell’evento espositivo insieme a Enzo Noris, presidente del comitato di Bergamo della Società Dante Alighieri.

"Dopo il 2018 riprendiamo questa collaborazione molto importante, che spero possa proseguire anche nei prossimi anni a favore dell’arte, del bello e della cultura - ha concluso Bonardi - Ritenendo la cultura fondamentale per la ripartenza, diamo anche noi un segno, con un mese dedicato a questa esposizione. Chiudiamo così le celebrazioni per i 700 anni della morte di Dante. E’ una mostra molto bella e di grande valore, poiché la fondazione Creberg è sinonimo di garanzia e qualità e siamo contenti di ospitarli. A tutti i partecipanti verrà regalato il catalogo".

La mostra verrà aperta sabato prossimo, 9 ottobre, al centro culturale Borsellino di piazza Garibaldi alle 15.30 e sarà visitabile senza prenotazione ma con obbligo di green pass negli orari di apertura della biblioteca.

Necrologie