Menu
Cerca
Scuola e cultura

Maxi successo per Storie per gioco del Sistema bibliotecario

Si sono distinte le classi di Rudiano, di Urago, di Passirano e di Travagliato.

Maxi successo per Storie per gioco del Sistema bibliotecario
Cultura Brescia, 06 Giugno 2021 ore 09:30

Leggere può essere un modo per viaggiare, incontrare persone, vedere il mondo: in un anno decisamente complicato, per 60 classi, cioè 1.200 ragazzi, la lettura ha rappresentato una sorta di evasione, conclusasi felicemente qualche giorno fa con una bella festa finale. Storie per gioco, la gara di lettura del Sistema Bibliotecario Sud Ovest Bresciano, quest'anno ha dovuto reinventarsi per poter avvicinare nuovamente gli alunni di tutta la provincia al mondo del libro e della lettura.

Maxi successo per Storie per gioco del Sistema bibliotecario

Giunta alla diciottesima edizione, la gara è stata proposta come sempre alle classi quinte della scuola primaria e alle prime e seconde della secondaria di primo grado. Per sei mesi i ragazzi hanno letto ed analizzato 15 libri, più il testo della Carta della Terra, e hanno alla fine giocato con le prove preparate dai bibliotecari: quiz, acrostici, rebus e analisi del testo ma anche attività creative, video, canzoni e lavori artistici. Al termine dei giochi, la giuria ha stilato la classifica, proclamando i quattro vincitori per ogni categoria.
Per la scuola primaria la vittoria è andata a «I piccoli panda 2.0», la 5^B di Rudiano. Alle loro spalle «I boss dei libri», la 5^D dello stesso Comune, i «Capitolo venti», la 5^A di Passirano, e i «Bookbuster», la 5^B di Urago d'Oglio.

Per la secondaria invece ad aggiudicarsi la vittoria sono stati «Gli immaturi» di Paratico, seguiti dalla squadra dei «Nutella biscuits foundation», la 1^E di Paratico, dai «Titani di libri», la 1^E di Travagliato e da «I babbani babbanosi», la 1^A di Piamborno.
A differenza degli altri anni, questa edizione di Storie per gioco non si è potuta concludere con una finale in presenza tra le classi migliori classificate. Per festeggiare l'esito della gara il Sistema Bibliotecario ha pensato così di organizzare l'incontro con una scrittrice molto amata dai ragazzi: Annalisa Strada. Venerdì scorso, infatti, l'autrice ha dialogato con le classi, rispondendo alle decine di domande degli alunni e dei loro insegnanti.

Al termine dell'incontro, Annalisa Strada ha addirittura assegnato un compito ai ragazzi, anzi tre: «Il primo compito è: divertitevi, incontratevi, fate cose insieme, state insieme all'aperto, vedetevi, frequentatevi: recuperate tutto il tempo perso negli ultimi due anni scolastici. Il secondo è: per mezz'ora al giorno, disconnettetevi dalla rete, e state stesi sul divano o su un prato a sognare il futuro. Il terzo e ultimo compito: leggete cose belle, leggete cose che piacciono a voi, senza il timore del giudizio degli altri».
Ora che la gara è terminata, i bibliotecari delle biblioteche del Sud Ovest Bresciano si metteranno al lavoro per organizzare la nuova edizione.
«La scorsa estate abbiamo ragionato a lungo se e come proporre alle nostre scuole la gara di lettura – ha ribadito il vicepresidente del Sistema, l'assessore del Comune di Chiari Emanuele Arrighetti – Alla fine devo dire che la nostra tenacia è stata ripagata. Pur nella difficoltà di un anno scolastico a singhiozzo, abbiamo voluto proporre ai ragazzi una gara totalmente diversa dal solito, ma come sempre basata su giochi divertenti (anche se impegnativi) basati su bei libri. Gli insegnanti e gli alunni hanno dimostrato di apprezzare sia i giochi che i libri. Speriamo di aver fidelizzato i ragazzi, e di vederli frequentare ancora le nostre biblioteche».

Necrologie