L’origine dei nomi del lago spiegati dagli esperti

L’origine dei nomi del lago spiegati dagli esperti
10 Maggio 2017 ore 12:19

Prosegue, con gli interventi di Antonio Foglio e Gian Pietro Brogiolo,  il percorso di ricerca sull’«Ambiente e il Paesaggio», in seno al progetto «Storia di Salò e dintorni» promosso dall’Ateneo con la collaborazione e il patrocinio della Città di Salò.

Dopo un breve inquadramento della toponomastica quale ramo dell’onomastica e di come essa riveli una grande messe di informazioni storiche, linguistiche, economiche, sulle variazioni intervenute nel territorio e nel paesaggio agrario in particolare,Antonio Foglio passerà a una indagine diacronica dell’origine e del significato dei nomi di luogo, con esempi tratti dalla toponomastica gardesana e salodiana in particolare. Muovendo dai toponimi con alla base radici delle lingue indeuropee, tratterà di quelli d’origine celtica (es. Benàco, Limone), successivamente quelli d’origine latina (es. i prediali, una trentina dei quali a Salò) e di quelli germanici (Garda, Gazzo, Gazzolo). Largo spazio dedicherà, quindi, alla classificazione semantica, mettendo in evidenza le stretto legame tra il territorio e le genti che lo abitarono, nonché le trasformazioni che queste vi operarono. Passerà quindi in rassegna i toponimi salodiani conosciuti, suddividendoli per classi (oronimi, idronimi, fitonimi ecc.) e concluderà con esempi di cambi di nome di luogo poco graditi agli abitanti (es. Hano/Capovalle, Goglione/Prevalle, Caccavero/Campoverde)

Gian Pietro Brogiolo illustrerà come i catasti storici della prima metà dell’ ‘800, localizzando su una mappa le proprietà e descrivendole sistematicamente nei registri, abbiano fotografato l’ultima fase di un ecosistema che si può tentare di indagare, per tempi più lontani, con gli strumenti dell’archeologia, delle fonti scritte e della toponomastica. Fonti da trattare con cautela, se considerate isolatamente, ma che si rafforzano se confrontate tra loro e che conducono a una ricostruzione, nel lungo periodo, delle modalità di conquista e di sfruttamento di un territorio rurale.

APPUNTAMENTO SABATO 13 MAGGIO ALLE ORE 17 NELLA SALA DEI PROVVEDITORI


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia