Cultura
Musica

Ispirazione letteraria per il nuovo singolo della band Il Diluvio

S'intitola "Ylla", come il racconto omonimo di Ray Bradbury. Un viaggio cosmico intriso di malinconia.

Ispirazione letteraria per il nuovo singolo della band Il Diluvio
Cultura Brescia, 28 Gennaio 2022 ore 18:05

di Stefania Vezzoli

E’ uscito su YouTube il nuovo singolo della band bresciana Il Diluvio. A quasi due mesi di distanza da "Like the waves", il brano del ritorno del gruppo dopo un lungo silenzio, la formazione composta da Simone Bettinzoli (chitarra elettrica/voce), Alessandro Serioli (tastiere/voce), Omar Khrisat (chitarra acustica) e Piero Bassini (batteria) lancia "Ylla", un viaggio cosmico intriso di malinconia, una tempesta di polvere di stelle che trasporta la mente verso l’altrove, verso un orizzonte senza limiti in cui la ricerca dell’amore cela dentro sé un dolore universale.

Ispirazione letteraria per il nuovo singolo della band Il Diluvio

Gli appassionati del genere fantascientifico avranno probabilmente già indovinato l’ispirazione letteraria del brano, che è nato dopo la lettura del racconto omonimo di Ray Bradbury, inserito nell’antologia "Cronache marziane". "Abbiamo deciso di scrivere questo pezzo dalle sonorità eteree che tributasse al meglio gli scritti di Bradbury - ha raccontato la band - Per il video ci siamo poi affidati a Fabio Copeta, artista bresciano che ha ricreato la giusta alchimia tra musica e immagini in un racconto di viaggi interstellari, fra pianeti inesplorati e incontri fantascientifici". Registrato e mixato al Mag Brothers Studio di Brescia da Jury e Kevin Magliolo, masterizzato al Woodpecker mastering studio di Daniele Salodini, "Ylla"affronta i temi dell’attesa, del tempo sospeso, dello spaesamento tra sogno e realtà. Una pop song dai contorni vagamente nostalgici amplificati da riverberi, synth e chitarre dreamy, con sfumature retrofuturiste.

L'album arriverà in primavera

Come "Like the waves", anche "Ylla" anticipa l’album "When the time is right" che, in uscita in primavera, segna un nuovo inizio, all’insegna d’inesplorate sonorità, per il gruppo nato nel 2016. Un disco che era già in fase di lavorazione prima della pandemia e ha subito svariati stop a causa delle ripetute chiusure che ne hanno bloccato la registrazione. La band, però, non si è mai persa d’animo e ha aspettato, pazientemente, il momento giusto. Un momento che, dopo tanta attesa, è finalmente arrivato.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie