Menu
Cerca

Due desenzanesi ai mondiali di ballo

Due desenzanesi ai mondiali di ballo
Cultura 11 Aprile 2017 ore 17:13

«Tutto è cominciato come un gioco, un passatempo. Poi è diventata passione e dalle prime gare amatoriali siamo passati a scenari agonistici di alto livello».

Questa la sintesi della bella storia di Valter Rossi e Mara Lorenzon, due desenzanesi che qualche settimana fa hanno conquistato la quattordicesima posizione ai mondiali di ballo da sala nella categoria più alta dei circuiti internazionali.

«La passione per la danza è nata circa dieci anni fa - racconta Valter -. Mia moglie ed io eravamo in un momento particolare della nostra relazione e così abbiamo deciso di intraprendere un nuovo percorso insieme, per rinsaldare la coppia». I due, genitori di tre figli, decidono così di iscriversi in una scuola di ballo nei pressi di Castiglione.

Non appena gli insegnanti si accorgono dell’impegno e della bravura della coppia, Mara e Valter cominciano a partecipare alle prime competizioni. Nell’arco di brevissimo tempo scalano le categorie dalla C alla A, la più alta, arrivando a vincere più volte i campionati italiani di Rimini e a partecipare ai mondiali di Bologna.

«La prima volta chiesi a mio marito di iscriverci ad un corso di latinoamericano - scherza Mara - ma lui mostrò subito delle resistenze. Provammo così il liscio. Oggi gareggiamo nelle discipline di valzer, tango, slow fox, quick step e valzer viennese: le cinque danze riconosciute dai campionati internazionali di ballo da sala».

Il livello agonistico in cui gareggiano i due coniugi prevedono allenamenti quotidiani, palestra mirata e studio costante delle coreografie con la collaborazione dei fidatissimi maestri Renata Rodella ed Elia Bandera. «Bisogna tenere in forma fisico e mente - ci spiegano -, uno degli aspetti più importanti è il fiato».

Valter e Mara dopo l’importante appuntamento internazionale continueranno nel loro percorso sportivo di coppia : «Lo consigliamo a tutti, specialmente ai giovani. Questa esperienza ci ha unito nuovamente, ci ha fatto riscoprire l’un l’altra facendoci ritrovare e vivere una nuova fase della nostra vita insieme. Anche senza arrivare ad essere dei competitori il ballo è un bellissimo modo per stare insieme, per riscoprirsi e trovare sintonia». E chissà che non possa davvero funzionare su altre coppiein difficoltà: il ballo può essere infatti un modo di ritrovare un ritmo comune, uno spazio di intesa e complicità. D’altronde come diceva Fred Astaire, indiscusso maestro di tip tap: «Ii non dimostro il mio amore con un bacio, lo dimostro ballando»

 

DA GARDAWEEK del 7 APRILE, in tutte le edicole del basso Garda


Necrologie