Abiti e arredi dell'istituto Fortuny a Lonato

Abiti e arredi dell'istituto Fortuny a Lonato
Cultura 14 Gennaio 2017 ore 14:34

Per il sesto anno consecutivo il Leone Shopping Center ospita una mostra d’abiti e complementi d’arredo realizzati dagli alunni dell’Istituto “Mariano Fortuny” di Brescia. L’esposizione, dal titolo “Couture retrò”, sarà aperta e visitabile sulla scalinata in vetro del centro da sabato 14 a domenica 22 gennaio.

La collezione, circa 50 abiti e alcuni complementi d’arredo, quest’anno è ispirata ad un viaggio virtuale fra il moderno e il vintage, tema ormai sempre più attuale nella moda. Dice Walter Benjiamin: “La moda non è altro che l’eterno ritorno del nuovo”, ed è su questa tematica che la mostra prende vita. In questa esposizione alcuni capi dell’archivio storico dell’istituto di alta sartoria femminile sono reinterpretati con gli abiti progettati e realizzati dagli alunni dell'istituto Fortuny dopo un approfondita e attenta analisi storica che va dagli anni Venti agli anni Settanta.   

Non mancano alcuni pezzi molto particolari del settore arredamento anche essi ispirati ai decenni del secolo scorso.

Nella realizzazione degli abiti, dal disegno alla effettiva creazione, sono stati coinvolti tutti gli studenti del corso Moda dalle classi terze alle quinte, lo stesso per il settore Arredamento per quanto riguarda i complementi d’arredo esposti. Sono un centinaio di ragazzi, quindi, ad aver partecipato alla creazione degli elementi in mostra al Leone di Lonato.

Questa esposizione rinsalda ulteriormente la collaborazione fra l’istituto superiore e il Leone che presta sempre volentieri i propri spazi alle scuole del territorio come importante vetrina per le proprie attività. In particolare, la collaborazione con il Fortuny è arrivata ormai al sesto anno, segno dell’apprezzamento da parte della clientela del Leone dei lavori spesso spettacolari che i ragazzi, soprattutto del settore Moda, producono ogni volta e che portano qui in anteprima. Per gli stessi alunni, d’altro canto, poter esporre le proprie opere in una galleria così frequentata (ogni giorno passano dal Leone migliaia di persone, con punte nel weekend fino a 40.000 ingressi) è un’occasione unica.

 


Necrologie