Menu
Cerca
Borgo san giacomo

Volontari positivi al Covid, sospesa la consegna della spesa a domicilio

Si aspetta martedì per la negativizzazione del tampone

Volontari positivi al Covid, sospesa la consegna della spesa a domicilio
Cronaca 12 Marzo 2021 ore 10:27

Volontari positivi al Covid, sospeso il servizio di consegna della spesa a domicilio.
Purtroppo il virus non ha risparmiato nemmeno i volontari, nemmeno quelli che portano il cibo porta a porta a chi non ce l’ha.
Non esiste pietà nella contagio, non esistono eccezioni e infatti, nei giorni scorsi la catena di volontari del Gruppo Amici di Borgo e Quinzano d’Oglio si è dovuta fermare, almeno fino a martedì prossimo quando Gianfausto Saleri, Barbara Ruggeri e gli altri risulteranno negativi al secondo tampone.

Il virus colpisce, volontari “in panchina”

Una sofferenza aver contratto il virus, una doppia sofferenza non poter portare il cibo a chi ha davvero bisogno.
Alcuni volontari hanno iniziato a stare male la scorsa settimana: febbre, spossatezza, tosse. Sintomi preoccupanti di questi tempi che li hanno spinti a fermare le consegne per mettere in sicurezza i bisognosi e capire cosa stesse accadendo.
Con il fioccare dei tamponi positivi la paura è stata tanta, ma dopo una settimana molti stanno meglio e attendono con ansia il secondo test, per poter ripartire con la beneficenza. «Abbiamo iniziato a stare male lo scorso sabato così abbiamo bloccato tutto, i pacchi alimentari al momento sono fermi, non possiamo rischiare che qualcuno si faccia del male, la situazione è grave – ha spiegato Saleri – Ora però ci sentiamo molto meglio, la febbre si è abbassata anche se il senso di spossatezza rimane. Siamo in ripresa, in attesa, martedì prossimo c’è il tampone, ripartire ancora non si può. Non possiamo rischiare di far ammalare le persone ma stiamo soffrendo il doppio, perché sappiamo che fuori le persone hanno bisogno di cibo. In un anno di pandemia non so più quante spese abbiamo fatto, quanti pacchi abbiamo consegnato: solo nelle settimane scorse ne abbiamo contati più di tremila. Non ci resta che attendere la negativizzazione del tampone, abbiamo già i motori caldi per ripartire».
Mentre loro pensano di tornare in pista quindi la prossima settimana, a Quinzano è stato annunciato che per tutto il mese di marzo la consegna si fermerà.

 

Leggi tutto l’articolo in edicola oggi, venerdì 12 marzo, su Manerbio Week

Necrologie