Cronaca
Accesa discussione

Volano stracci in consiglio comunale sulla notte di Halloween, la comandante respinge le accuse

Le interrogazioni hanno evidenziato la mancanza di prevenzione e di pattuglie sul territorio comunale.

Volano stracci in consiglio comunale sulla notte di Halloween, la comandante respinge le accuse
Cronaca 12 Novembre 2021 ore 16:33

Quello di mercoledì sera, 10 novembre, è stato un Consiglio Comunale animato che ha fatto i conti con gli spiacevoli avvenimenti accaduti nella notte del 31 ottobre.

Il punto sui fatti del 31 ottobre

La giunta ha deciso, in sede di colloquio con i capigruppo, di rispondere alle due interrogazioni poste dalle minoranze Civitas e Uniti per Bedizzole.  Entrambe le interrogazioni riguardavano la richiesta di chiarimenti riguardo gli eventi accaduti nella notte di Halloween, soprattutto riguardo la mancanza di prevenzione e di pattuglie sul territorio comunale.

Il punto di vista dell'Amministrazione

Il primo cittadino Giovanni Cottini all’inizio della settimana ha mandato una richiesta alla Comandante della Polizia Locale del comando unificato Luisa Zampiceni nella quale chiedeva di rispondere ai motivi del mancato controllo e supervisionamento del centro bedizzolese.

Chiedo che vengano forniti elementi che possano risultare utili a rispondere ad  alcuni quesiti quali le motivazioni per la mancata prevenzione nella serata del 31 ottobre, la programmazione del servizio di pattugliamento di quella serata ed eventuali mansioni indicate da svolgere agli agenti e, nel caso le pattuglie non fossero presenti sul territorio, ne chiedo le motivazioni» scrive il Sindaco nella richiesta.

La risposta arriva puntuale dalla Comandante della Polizia Locale Luisa Zampiceni che non si ritiene in alcun modo responsabile degli avvenimenti accaduti il 31 ottobre in quanto non è compito della Locale mantenere l’ordine pubblico e in quanto da sempre la domenica non sono previste pattuglie su Bedizzole. Cottini risponde

Il servizio serale essendo prefestivo poteva essere un servizio straordinario e, infatti, martedì 26.10 durante la consueta riunione con il Vice Comandante è stato richiesto il servizio. Voglio chiarire che la Polizia Locale non è mai stata oggetto di accuse perché io ho sempre sostenuto il lavoro con grande stima, ma ritengo un disservizio da parte della Comandante. Ritengo grave che nonostante l’avessi richiesto non siano state previste pattuglie e cambiate turnazioni.

Anche l’assessore Giuseppe Bertoudh esprime il suo dissenso:

Sono rimasto piuttosto sconcertato perché lo spirito che deve orientare soprattutto le istituzioni deve essere cooperativo per capire dove poter migliorare. Non possiamo ritenerci soddisfatti, il nostro compito è stato assegnato dai cittadini e per farlo ci impegniamo a conoscere la realtà per eseguire bene azioni di contenimento, ma soprattutto di prevenzione. In merito alla lamentela per non essere contattata direttamente, voglio portare alla luce che in data 30 ottobre la comandante comunicava la propria assenza del servizio fino all’8 novembre 2021. La Comandante in qualità di responsabile della programmazione dei turni serali non poteva non prevedere un servizio nella serata prefestiva del 31 ottobre esprimendo indisponibilità nel cambiare turnazioni. Qua stiamo parlando di responsabilità, non si vuole in alcun modo sminuire il lavoro della Polizia Locale.

La risposta della comandante, che nega di aver ricevuto indicazioni dal sindaco

Alla richiesta da parte del Sindaco di una relazione in merito agli atti vandalici del 31 ottobre 2021 nelle piazze bedizzolesi la Comandate della Polizia Locale, Luisa Zampiceni, ha risposto tempestivamente amareggiata per le accuse a sua detta infondate ed ha chiesto che le sue dichiarazioni fossero lette durante la seduta del Consiglio Comunale che si è tenuto in data 10 novembre. La Comandante prima di rispondere in modo diretto alle richieste del primo cittadino stila un elenco di premesse utili a comprendere la sua posizione, le sue responsabilità e le sue azioni.

«Premetto che le interrogazioni che mi vedono come soggetto citate dalla minoranza non sono mai arrivate alla sottoscritta; che i tre servizi serali svolti sul territorio di Bedizzole non sono mai previsti la domenica sera; che alla sottoscritta non è mai pervenuta in forma diretta o scritta alcuna richiesta di pattugliamento per la serata di Halloween e che solo tre giorni prima dell’evento il Sindaco avesse chiesto il servizio al Vice Comandante. Ciò premesso dichiaro che l’ordine pubblico non è competenza della Polizia Locale, bensì dei Carabinieri e della Polizia Stradale che non hanno ritenuto opportuno avviare il servizio di reperibilità h24 messo da noi a disposizione».

La comandante risponde anche alla consigliera Daniela Armanini che sui social aveva scritto «dichiarata incapacità della comandante».

«Con dette affermazioni, scrive la comandante, oltre a violare le norme del codice penale, ha istigato la folla contro un’istituzione. Posto che nel Comune di Bedizzole si è concentrato un gruppo di soggetti che commette atti delinquenziali, sarebbe opportuno, se non doveroso che le Istituzioni diano il corretto esempio».

L'articolo completo nel numero di Montichiariweek in edicola da venerdì 12 novembre.

 

Necrologie