Menu
Cerca

Vive con 15 euro a settimana e insegna a tutti come fare

Vive con 15 euro a settimana e insegna a tutti come fare
Cronaca 06 Maggio 2017 ore 16:52

La cittadina di Asola si dice pronta a misurarsi con il consumo zero e la speranza di un futuro più sostenibile grazie a una serie di sette incontri messi in atto dalla giovane Silvia Savoldi, che, con il compagno Roberto Belli, ha imparato l’arte di arrangiarsi e realizzare da sola prodotti di uso quotidiano. Un primo ciclo indirizzato a chi è «motivato a migliorare il proprio stile di vita» precisa Silvia, pittrice e scrittrice non udente, nata nel 1979 a Brescia e residente dal 2010 nella frazione di San Pietro. Le lezioni si terranno il sabato nell’abitazione della creativa dalle 15 alle 18: il 13 maggio, 10 giugno, 16 settembre, 14 ottobre, 11 novembre e 16 dicembre. Si partirà dai fondamenti per realizzare: creme per il viso, per le mani, dentifricio e colluttorio. Non mancheranno: saponette, creme per il corpo, unguenti balsamici utili al sopraggiungere dei malanni di stagione.

«L’autoproduzione è sempre stata la mia passione - racconta Silvia che grazie a questo riesce a vivere spendendo 15 euro a settimana per alimenti e produzione di detersivi - ho sempre creato ciò che mi era possibile quando avevo un lavoro e solo quando sono diventata casalinga ho potuto ampliare ancora di più il mio ventaglio di prodotti. Sono andata oltre alla creazione dell’indispensabile per il bucato, la pulizia della casa, le saponette per l’igiene personale sperimentando i cosmetici fatti in maniera naturale e con pochi ingredienti».

Dopo aver scritto romanzi e poesie, quali «Il silenzio che parla al cuore» e «Occhi sul domani», nel 2015 è uscita la prima edizione di «Io Faccio Così», edito dalla casa editrice asolana Gilgamesh, nato grazie alle richieste delle persone desiderose di avvicinarsi al suo progetto. Gli alimenti portati a tavola sono esclusivamente a chilometro zero, provenienti dallo stesso orto a due passi da casa, e le modalità di acquisto possono avvenire anche tramite il semplice baratto, ritornato in auge da qualche tempo. «L’idea di fare dei corsi mi è venuta perché credo bisognerebbe uscire dal preconcetto che autoprodurre sia difficile - continua Silvia - e desidero far scoprire così il lato green della vita in tutta la sua semplicità e sicuri delle materie prime che adoperiamo. Per seguirla e avere più informazioni riguardo al ciclo di incontri, è possibile contattarla sui social o dare uno sguardo al suo blog ricco di idee “Il Cucchiaio Fatato” con il quale conclude. Ovviamente non finisce qui. La crescita è continua, non si smette mai di imparare».


Necrologie