Garda

Villa dei Colli: da novembre trasferimento dei servizi a Prevalle

Le opere di demolizione e ricostruzione dell'edificio di Lonato dureranno tre anni per una spesa di 11.400.000 euro

Villa dei Colli: da novembre trasferimento dei servizi a Prevalle
Garda, 11 Settembre 2020 ore 16:12

Villa dei Colli: da novembre trasferimento dei servizi a Prevalle

Lonato

Nella primavera del 2021 inizieranno i lavori di demolizione e ricostruzione dell’edificio principale di Villa dei Colli a Lonato con prefabbricati in legno. L’intervento edile, finanziato totalmente da Regione Lombardia, comporterà un investimento di 11.400.000 euro e avrà una durata di 36 mesi. L’edificio garantirà sicurezza sismica, prestazioni energetiche elevate e maggiore comfort per pazienti ed operatori. Avrà una superficie di 5.600 mq disposti su 2 livelli più un piano interrato. Verranno ricollocati tutti i servizi attualmente esistenti e verrà creato il Polo Formativo aziendale. Al termine dei lavori nell’edificio principale di nuova costruzione verranno ospitati: Unità Operativa Riabilitazione Specialistica, Servizio Ambulatoriale di Fisioterapia, Macroattività Ambulatoriale ad alta Complessità-MAC dell’area riabilitativa, Comunità Riabilitativa ad alta Assistenza-CRA, Comunità Protetta ad alta Assistenza-CPA. Mentre nell’edificio secondario già esistente (che non subirà modifiche) troveranno posto: Centro Psico Sociale-CPS, Neuro Psichiatria Infantile e dell’Adolescenza-NPIA e Polo Formativo aziendale (trasferito da Desenzano).

Prevalle

ASST Garda ha avviato, nell’agosto 2019, una ricerca di mercato per individuare, nello stesso bacino territoriale, una soluzione idonea ad ospitare alcuni servizi che durante la fase dei lavori dovranno obbligatoriamente essere trasferiti. A seguito del bando pubblico è pervenuta una sola candidatura da parte della RSA Antonio Bosio Srl di Prevalle che dispone di un immobile di recente costruzione ubicato in Via San Carlo. L’edificio, in possesso di tutti i requisiti strutturali richiesti dal bando stesso e dalle norme di accreditamento, offre una superficie complessiva di 5.800 mq disposti su due piani e dispone di un giardino ad uso esclusivo. Il contratto di locazione con la RSA Antonio Bosio Srl verrà sottoscritto nei prossimi giorni per una durata complessiva di tre anni ed un costo annuale di 443.700 euro.

Per garantire la continuità nell’erogazione delle prestazioni verranno trasferiti a Prevalle i servizi: Unità Operativa Riabilitazione Specialistica, Servizio Ambulatoriale di Fisioterapia, Macroattività Ambulatoriale ad alta Complessità-MAC dell’area riabilitativa, Comunità Riabilitativa ad alta Assistenza-CRA, Comunità Protetta ad alta Assistenza-CPA.

Il trasferimento è previsto per il prossimo 1 novembre, compatibilmente con l’iter amministrativo di accreditamento da parte di ATS Brescia necessario per poter avviare l’attività.

I locali destinati alla CPA verranno allestiti con gli arredi già in uso mentre per la CRA, le palestre, gli ambulatori di fisiatria e la degenza riabilitativa sono stati acquistati nuovi arredi tra i quali letti elettrici, comodini, armadi e tavolini per l’allestimento di 40 posti letto. Nei locali della RSA Bosio al piano terra verranno collocati: Comunità Protetta ad alta Assistenza-CPA, Comunità Riabilitativa ad alta Assistenza-CRA, Ambulatori Riabilitazione per esterni e locali tecnici e di supporto. Mentre il primo piano sarà interamente dedicato all’Unità Operativa Riabilitazione Specialistica. Durante i tre anni di lavori resteranno a Lonato, nell’edificio secondario, Centro Psico Sociale-CPS e Servizio Neuro Psichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza-NPIA.

Direttore Generale Scarcella

«Sin dall’inizio del mio mandato – ha dichiarato il Direttore Generale di ASST Garda Dr. Carmelo Scarcella – ho avviato un’analisi degli interventi necessari nell’intero Presidio di Lonato destinato ad essere convertito in Presidio Ospedaliero Territoriale-POT. Tra le verifiche è stata condotta anche una valutazione della vulnerabilità sismica che ha evidenziato scarsa resistenza dell’edificio principale. Questo ha portato alla decisione di demolire e riedificare uno dei due edifici che compongono il Presidio. Decisione sostenuta da Regione Lombardia che ha concesso un finanziamento per complessivi 11.400.000 euro. Per poter effettuare i lavori, ed a garanzia della continuità dell’offerta socio-sanitaria, siamo costretti a trasferire temporaneamente alcuni servizi in un’altra struttura. Una volta concluso il cantiere, i servizi verranno tutti ricollocati a Lonato. Siamo consapevoli dell’importanza strategica di Villa dei Colli che rappresenta, storicamente, un punto di riferimento per numerosi cittadini del nostro territorio e polo di attrazione per la domanda sanitaria proveniente dalle province limitrofe. I servizi verranno tutti mantenuti senza alcuna interruzione nell’erogazione e, una volta terminata la costruzione del nuovo Presidio, offriremo una struttura sicura, moderna e dotata di tutti i comfort».

Assessore Gallera

«L’emergenza sanitaria Covid ha dalle stato di pochissimo le attività per il trasferimento e l’inizio dei lavori di Villa dei Colli – ha aggiunto l’assessore regionale Welfare Giulio Gallera – Abbiamo posticipato altre opere già programmate perché la sicurezza di questo edificio ha la priorità. Il primo dovere di chi ha la responsabilità di amministrare è la sicurezza, in questo caso di pazienti e operatori. La valutazione è stata fatta velocemente e tra le possibilità c’era lo spostamento di tutti i servizi nel presidio di Leno o all’ospedale di Desenzano. Ma sapevamo quanto fosse importante mantenere il presidio a Lonato. Spostare temporaneamente i servizi sappiamo che purtroppo comporterà qualche disagio, ma è stata scelta una struttura più ampia e completamente nuova. Credo che l’amministrazione possa ragionare sull’attivazione di servizi navetta con dei volontari per accompagnare i pazienti più anziani e fragili nella nuova struttura».

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia