Cronaca
Protesta

Uranio impoverito, il presidio davanti al Tribunale di Brescia

L'appuntamento è in programma per giovedì 5 maggio.

Uranio impoverito, il presidio davanti al Tribunale di Brescia
Cronaca Brescia, 02 Maggio 2022 ore 21:11

In programma per giovedì 5 maggio un presidio davanti al Tribunale di Brescia alle 9.30 organizzato da Donne e uomini contro la guerra Brescia.

Conflitto

"La Nato e gli Stati uniti hanno guidato le principali operazioni militari (guerre) degli ultimi decenni, con il benestare della maggior parte della Comunità Internazionale (ONU, UE ecc.). A tutte queste guerre ha partecipato in modo determinante e attivo anche l'Italia, senza alcuna opposizione, anzi con il mandato, di governi e parlamento. A questo si aggiunge tristemente il conflitto in Ucraina fortemente voluto e alimentato da ogni paese occidentale pronto a mandare ulteriori soldati a morire alla prima occasione utile a giustificare l’intervento Nato! Negli scorsi conflitti e in quelli ancora in corso, alle vittime morte cruentemente vi sono altre vittime anch'esse decedute e tenute nascoste dallo Stato italiano: si tratta delle innumerevoli persone che a distanza di tempo hanno subito gli effetti deleteri per aver avuto contatti o essere state vicine all'uranio impoverito. Le vittime sono principalmente le popolazioni dei territori in cui vi son stati bombardamenti con l'uranio impoverito – ex Jugoslavia, Iraq, Afghanistan e altri teatri di guerra. Oltre ai sacrificati civili delle zone di guerra vi sono quelli che abitano vicino ai poligoni militari in Sardegna dove sono stoccati e montati gli ordigni all'uranio. Da ultimo – ma non per importanza - vanno ricordati i militari che, inconsapevoli del rischio, hanno dovuto maneggiare e utilizzare l'uranio impoverito e i relativi congegni. Il pericolo del coinvolgimento dell'Italia nel conflitto in corso tra Usa, Ucraina e Russia è concerto e aggraverebbe solo la situazione".

Il caso Luca Lepore

"Oggi (lunedì 2 maggio) al tribunale di Brescia si è discusso del caso del Maresciallo dell’Aeronautica Militare Giovanni Luca Lepore, morto nel 2005, la cui famiglia è ancora in battaglia per ottenere giustizia, di fronte all’atteggiamento strafottente, menefreghista e vessatorio del Ministero della Difesa che si rifiuta da 16 anni di ammettere la sua colpevolezza e dare ristoro non solo alla famiglia del M. llo Lepore ma a tutte le famiglie delle vittime dell’Uranio Impoverito e di tutti gli altri inquinanti bellici. Non a caso dall’ultima udienza è passato quasi un anno! Attraverso il proprio ruolo istituzionale fanno pressione sui tribunali e trovano escamotage affinchè i processi durino anni, puntando a sfiancare le famiglie che richiedono giustizia e ristoro nella speranza che mollino la presa, per scoraggiare centinaia, migliaia di altri malati dall’intraprendere le vie legali per ottenere giustizia".

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie