un'irreparabile crepa?

Trema la Giunta di Manerbio, il vicesindaco: “Troppa lentezza”

A suscitare il malumore il continuo procrastinare in merito a come destinare i fondi ricevuti durante l'emergenza: " Ci sono tante cose da fare, dobbiamo darci una mossa"

Trema la Giunta di Manerbio, il vicesindaco: “Troppa lentezza”
Bassa, 05 Settembre 2020 ore 10:01

Trema la Giunta del sindaco Samuele Alghisi, all’interno della quale qualcuno ha puntato il dito sulla lentezza, (quasi immobilismo) dell’Amministrazione nell’utilizzare i soldi racimolati con la raccolta fondi solidale e gli aiuti straordinari ricevuti in tempo di Covid per aiutare attività, associazioni e cittadini a ripartire dopo i mesi di lockdown.

Trema la Giunta di Manerbio

A parlare è il vicesindaco Giandomenico Preti (ma il suo malumore è condiviso anche da molti altri consiglieri della maggioranza) scontento del fatto che molte opere e azioni a favore del territorio e della comunità, per realizzare le quali la liquidità non mancherebbe, siano state continuamente rimandate.

«Il problema è che abbiamo ricevuto diversi fondi e contributi, ma non si sta facendo nulla per investirli sul territorio – ha chiosato Preti, che da tempo ormai continua a sollecitate la Giunta sull’argomento – C’è bisogno di una svolta, di una maggiore rapidità nel prendere le decisioni, non si può sempre state fermi. Molti altri Comuni hanno già ridistribuito i fondi a realtà e associazioni che ne avevano bisogno, hanno creato dei buoni per gli studenti o dirottato i contributi sulle scuola materne per abbattere le rette: noi invece continuiamo a posticipare le decisioni».

“Diamoci una mossa”

Il dito, in particolare, è puntato anche sulla situazione del Ferrari, da mesi ormai al centro delle polemiche. «Una situazione che si sta trascinando da tempo e sta mettendo tutti in difficoltà, sulla quale si poteva intervenire prima», ha aggiunto. Ma al di là di questo, all’appello non mancano anche le urgenze relative al decoro urbano e a tanti altri interventi necessari per sistemare le criticità presenti in città. Nient’altro che un (arrabbiato) sollecito, per ora, un invito a «darsi una mossa, prende una posizione decisa e ad adottare un’azione più energica e pragmatica a favore di tutto il territorio… ma intanto il tempo passa». Un sollecito che, se non ascoltato, potrebbe tradursi in un’irreparabile crepa nella Giunta.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia