Tragedia sui binari: chiuse le indagini sul disastro in cui morì un iseano

Tra le accuse ci sono omicidio e lesioni colpose e disastro ferroviario.

Tragedia sui binari: chiuse le indagini sul disastro in cui morì un iseano
Sebino e Franciacorta, 11 Ottobre 2019 ore 09:35

Tragedia sui binari: chiuse le indagini sul disastro avvenuto nella notte fra il 21 e il 22 ottobre 2016 in cui morì l’iseano Nicola Franchini.

Tragedia sui binari: chiuse le indagini sul disastro

Quella tragedia sui binari avvenuta tre anni fa all’altezza di Rodengo Saiano, nella notte tra il 21 e il 22 ottobre 2016, in cui perse la vita il 34enne Nicola Franchini, operaio iseano e padre di due bambini, è ancora impressa nelle mente e nel cuore di Iseo e non solo come fosse ieri. Il carro pianale carico di traversine e binari che cominciò a muoversi, poi lo scontro con il carrello motore, la morte di Franchini e le gravi ferite riportate dal collega e compaesano Francesco Fusari. Dopo tre anni da quella drammatica notte il sostituto procuratore Carlo Pappalardo ha chiuso il fascicolo dell’inchiesta aperta per accertare le eventuali responsabilità dei coinvolti.

Gli indagati e le accuse

Fra gli indagati infatti ci sono quattro persone: i due operai che quella notte si trovavano al lavoro con Franchini sui binari della linea Brescia-Iseo-Edolo, gestita da Ferrovienord Spa, ovvero Francesco Fusari e Sperandio Barcellini, e due dirigenti della società: il consigliere delegato Antonio Verro e il direttore generale competente per il settore sicurezza Marco Barra Caracciolo.

Tra le accuse ci sono omicidio e lesioni colpose e disastro ferroviario. Il carro pianale, infatti, privo di un freno continuo automatico e non immobilizzato, a causa della pendenza dei binari si mise spontaneamente in moto in direzione Brescia e, dopo aver attraversato un passaggio a livello secondario a sbarre alzate, aveva concluso la sua “fuga” contro il carrello motore di ritorno da Castegnato. A bordo Franchini e Fusari, ignari di quanto stesse accadendo e travolti nella cabina di guida dal materiale «trasportato» dal carro pianale. Il primo era morto sul colpo, mentre il secondo era stato ricoverato in gravi condizioni.

TORNA ALLA HOME PAGE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia