Cronaca
Montichiari

Traffico di droga, lo scalo D'Annunzio secondo solo all'aeroporto di Malpensa

Si tratta di numeri in crescita se paragonati a quelli dell’anno precedente.

Traffico di droga, lo scalo D'Annunzio secondo solo all'aeroporto di Malpensa
Cronaca 12 Novembre 2021 ore 12:21

La marijuana arriva in Italia anche attraverso l’aeroporto di Montichiari.

Dopo Malpensa

A certificarlo sono i dati della Direzione centrale servizi anti-droga, che hanno messo in evidenza come lo scalo Gabriele D’Annunzio in Lombardia è secondo soltanto a quello di Malpensa per il traffico di marijuana dall’estero.

A confronto

Stando all’indagine 2021, che fa riferimento ai dati 2020, le forze dell’ordine sono riuscite a sequestrare all’aeroporto di Montichiari 24,40 chilogrammi di marijuana. Un quantitativo sequestrato inferiore a Malpensa, dove sono stati sequestrati 53,92 chilogrammi di marijuana, ma superiore allo scalo di Linate dove in dogana sono stati scovati 5,93 chilogrammi di marijuana.

In aumento

Per quanto riguarda i dati dello scalo monteclarense, si tratta di numeri in crescita se paragonati a quelli dell’anno precedente. Sempre nella relazione della Direzione centrale servizi anti-droga, nel 2019 alla dogana dell’aeroporto di Montichiari erano stati sequestrati 2 chilogrammi di marijuana. Anche se il trasporto aereo risulta poco sfruttato per il traffico di marijuana, nel biennio 2019/2020 è stato registrato un incremento dei sequestri del 50,35% (da 114,91 a 172,76 chilogrammi di sostanza stupefacente).

Da dove arriva la marijuana?

Già, ma da quali Paesi arriva la marijuana che viene scoperta in aeroporto? La droga giunge soprattutto dalla Spagna e dagli Stati Uniti d’America. Mentre il maggior numero di persone denunciate è risultato essere di nazionalità italiana. Tutto ciò testimonia che gli aeroporti, come Montichiari, sono ormai delle rotte per la marijuana.

L'articolo completo su Montichiariweek in edicola da venerdì 12 novembre.

Necrologie