Chiari

Tradati ha chiuso dopo quasi 200 anni

Per una vita ha abbellito l'angolo tra via Villatico e via De Gasperi. Le serrande sono state abbassate l'1 ottobre.

Tradati ha chiuso dopo quasi 200 anni
Bassa, 03 Ottobre 2020 ore 12:00

di Federica Gisonna

La storica attività clarense ha chiuso dopo quasi 200 anni. Tradati, a Chiari, ha abbassato le serrande l’1 ottobre.

Tradati ha chiuso dopo quasi 200 anni

«Un bravo imprenditore oltre a sapere quale è il momento per avviare un’attività, dimostra le proprie capacità anche quando capisce che è il momento di fermarsi, di valutare le situazioni economiche e di mercato che circondano la realtà commerciale».

Con queste parole, semplici ma dirette, è stata annunciata la cessata attività di Tradati, lo storico negozio clarense aperto nel lontano 1821.
L’attività a conduzione familiare, nelle sapienti mani di Elide e Francesca Tradati (e da sempre della famiglia Tradati), nel 2006 aveva anche ottenuto il riconoscimento di «Negozio storico» da Regione Lombardia. Questo, che aveva alzato la serranda come conceria di pelle, è infatti tra i più antichi esercizi commerciali sull’intero territorio lombardo e nel 2021 avrebbe raggiunto il traguardo dei 200 anni dall’apertura.

A partire dal 1 ottobre, però, Tradati ha però abbassato definitivamente le sue saracinesche dopo aver sempre gestito il commercio clarense con serietà, onestà ed eleganza: le medesime caratteristiche con il quale il negozio all’angolo tra via Villatico e via de Gasperi ha chiuso.
«Vogliamo ringraziare tutti i clienti che per anni sono rimasti con noi e si sono affidati alla nostra esperienza acquistando e indossando i nostri capi per i loro momenti pi belli o semplicemente per il quotidiano – hanno sottolineato – Ringraziamo tutti coloro che si sono soffermati a guardare le vetrine che hanno abbellito quello che è stato definito l’angolo più bello di Chiari. Grazie di cuore per questi anni passati insieme».

Quella di chiudere è stata una decisione personale, «non imposta da fattori esterni», ma semplicemente frutto di un ragionamento. Per anni, il negozio è stato un punto di riferimento nel mondo dell’abbigliamento, soprattutto per eventi importanti e cerimonie, e c’è sempre stata la massima attenzione al cliente: dalle modifiche ai capi, al fatto su misura, passando anche per le consegne a domicilio. La storica attività ha sempre dimostrato di essere al passo con i tempi e, talvolta, anche di anticiparli nella scelta dei giusti capi (e accessori) di alta moda per donna e uomo.

Attualmente, della gestione del negozio, se ne occupava Francesca Lombardo, figlia e nipote delle titolari e che rappresenta la quinta generazione. «Ritengo di doverle ringraziare per l’esperienza e per il bagaglio culturale per i miei progetti futuri», ha sottolineato la dottoressa in legge.

I locali sono comunque di proprietà della famiglia e, anche se al momento non sono stati fatti progetti, per il futuro non si può escludere nulla.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia