Cronaca
Sentenza

Tentata estorsione: 2 anni e 8 mesi per il clarense Giuseppe Familiari e 2 anni per l'erbuschese Massimo Mondini

Per lo stesso reato era già stato condannato a tre anni Roberto Franzè, che si è tolto la vita in carcere.

Tentata estorsione: 2 anni e 8 mesi per il clarense Giuseppe Familiari e 2 anni per l'erbuschese Massimo Mondini
Cronaca Bassa, 20 Dicembre 2021 ore 12:13

Il consulente finanziario di Chiari, con studio a Iseo, Giuseppe Familiari è stato condannato con rito abbreviato a 2 anni e 8 mesi, mentre per l'erbuschese Massimo Mondini la pena è di 2 anni, con l'esclusione, però, del metodo mafioso (416 bis n. 1). E' la sentenza emessa oggi dal Tribunale di Brescia per una tentata estorsione nei confronti di una coppia di imprenditori della Bassa, residenti in un Comune vicino a Chiari. Il pubblico ministero Paolo Savio aveva chiesto 5 anni e 4 mesi per i Familiari e 3 anni per Mondini. Le motivazioni della sentenza tra 15 giorni.

Per lo stesso reato era già stato condannato, a tre anni di reclusione, Roberto Franzè, calabrese residente a Pumenengo. Franzè si è tolto la vita l'8 dicembre scorso nel carcere di Ascoli Piceno, dove stava scontando una condanna per un'altra vicenda, visti i suoi trascorsi per estorsione, rapina, sequestro di persona, lesioni, ricettazione, detenzione e porto abusivo di arma, abusiva attività finanziaria ed usura.

La vicenda

I fatti risalgono tra l'ottobre 2019 e il febbraio 2020. Le vittime sono due coniugi, titolari di una ditta in provincia di Bergamo, cui i tre avevano chiesto di consegnare la somma di 100mila euro quale "corrispettivo" per la perdita del posto di lavoro da parte della compagna di Franzè, impiegata in precedenze nell’impresa e che era stata licenziata. La richiesta di denaro veniva formulata attraverso esplicite minacce consistite in eloquenti e ripetute evocazioni della caratura criminale di Franzè e con continui richiami ad asseriti collegamenti tra lo stesso e alcune famiglie malavitose calabresi stanziate in nord Italia. Nessuna somma di denaro era stata però consegnata ai malviventi.

Necrologie