Cronaca
Pompiano

Strada dissestata e muri delle case con le crepe, scatta la raccolta firme

Il sindaco ha già contattato la Regione per avviare il progetto della tangenzialina.

Strada dissestata e muri delle case con le crepe, scatta la raccolta firme
Cronaca Bassa, 25 Luglio 2022 ore 15:56

Strada dissestata, centinaia di camion che passano avanti e indietro dall’alba al tramonto senza regalare nemmeno un attimo di pace ai residenti. E’ questa la situazione raccontata e sottoscritta da 18 famiglie che abitano nella frazione di Gerolanuova, soprattutto quelli che abitano in via Garibaldi e che hanno deciso di dare il via a una raccolta firme indirizzata al Comune per trovare una soluzione. La situazione non è mai stata semplice.

Il problema di Gerolanuova

«Gerolanuova ha circa 400 abitanti, una frazione tranquilla, in teoria ma non in pratica - hanno spiegato i residenti - Da diversi anni sono aumentati i mezzi di trasporto pesanti che passano per le vie del centro abitato e di conseguenza i disagi. Le strade hanno iniziato a essere sempre più dissestate e piene di buche e le nostre case hanno iniziato a creparsi nei muri a causa delle scosse continue. Siamo arrivati a un punto dove la mattina alle 5, quando i camion iniziano a transitare, il letto trema. Il tavolo anche e i mobili pure. Noi non ne possiamo più e abbiamo parlato con i sindaci che si sono susseguiti negli anni ma non si è mai giunti a una soluzione concreta. Ci siamo rivolti, in ultimo a Comincini, attuale primo cittadino, che ci ha detto che avrebbero dovuto asfaltare la strada appena trovati dei fondi. Ma questi soldi non arrivano proprio mai per noi?».

Così, nei mesi scorsi, è stato deciso di inviare una lettera firmata da 18 famiglie.

«Nella missiva chiediamo non solo il rifacimento del manto stradale ma anche una soluzione alle numerose problematiche portate dalla viabilità, siamo davvero esasperati, tanto che alcuni stanno pensando di vendere casa e andare altrove per trovare un po’ di pace. In ogni caso ci rivolgeremo al più presto all’Arpa affinché possano fare delle verifiche», hanno concluso i residenti.

Il sindaco Giancarlo Comincini ha spiegato la situazione dal suo punto di vista.

«L’unica alternativa a questi disagi è la realizzazione di una tangenziale - ha affermato - L’ipotesi plausibile che serve a sgravare il traffico e a passare attorno a Zurlengo e Gerolanuova per poter liberare le vie da tutto questo via vai. Non posso biasimare i residenti per come si sentono e per i disagi che subiscono, io come amministrazione però avevo detto che avrei portato il problema in Regione e l’ho fatto presentando a chi di dovere e insieme a tre consiglieri regionali, un progetto preliminare che coinvolge anche il Comune di Orzinuovi. Serve fortemente un altro percorso ai mezzi pesanti e sono consapevole che il problema esiste da anni ma con le sole risorse del Comune non possiamo farcela, abbiamo davvero bisogno di un finanziamento che arriva da enti superiori».

L’asfalto invece verrà rifatto, è solamente questione di settimane, mesi al più.

«Il manto stradale doveva essere rifatto a marzo, ma poi, a causa di alcune problematiche l’intervento è stato rimandato - ha concluso Comincini - Adesso fa troppo caldo per poter iniziare la gettata quindi è necessario attendere settembre. Capisco il disagio di tutti gli abitanti e non posso biasimarli, tengo solo a far sapere loro che stiamo lavorando per ogni possibile risoluzione».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie