PALAZZOLO SULL'OGLIO

Spaccio di droga, in due finiscono in manette dopo la fuga

I due per evitare il controllo dei militari, si sono dati alla fuga tra Palazzolo sull'Oglio e Castelli Calepio dove sono stati fermati.

Spaccio di droga, in due finiscono in manette dopo la fuga
Cronaca Oglio, 22 Dicembre 2020 ore 11:57

Spaccio di droga, in due finiscono in manette dopo la fuga.

Due pusher sono stati arrestati ieri, lunedì 21 dicembre, dai carabinieri del Nucleo Radiomobile di Treviglio per spaccio di droga. L’intervento dei militari, a seguito di approfondite indagini per il contrasto dello spaccio di stupefacenti, è stato nel Comune di Palosco. Nella loro fuga, anche il passaggio nel bresciano a Palazzolo sull'Oglio.

Quattro chili di droga in auto, in manette spacciatore 

Spaccio di droga, due arresti

Ieri, durante il servizio di perlustrazione del territorio, sono stati tratti in arresti due cittadini marocchini: il 38enne M. R., domiciliato a Palazzolo sull’Oglio ed il 29enne H. C., residente a Fermo, nelle Marche poiché, a seguito di un lungo inseguimento, sono stati trovati in possesso di diverse dosi di sostanze stupefacenti del tipo cocaina. L’intervento dei militari della Sezione Radiomobile dei Carabinieri di Treviglio è il frutto di un’attenta attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti condotta dagli uomini dell’Arma con soluzione di continuità nella pianura bergamasca e volta a contrastare sodalizi impegnati nell’illecita attività. Poco prima di mezzogiorno, nel transitare in via Palazzolo a Palosco, i militari hanno notato sopraggiungere nel senso opposto di marcia una “Volkswagen Golf” che alcuni cittadini avevano segnalato come possibile mezzo di spostamento utilizzato da cittadini nordafricani dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti.

I pusher tentano la fuga

Invertito il senso di marcia e segnalata al conducente l’intenzione di procedere al controllo, è nato un inseguimento che dalla bergamasca si è protratto fino al centro storico di Palazzolo sull’Oglio dove, in via Sabotino, uno dei due ha lanciato dal finestrino due contenitori in plastica di colore giallo, nei quali è stato poi accertato era contenuta la cocaina.
Nonostante i tentativi di evitare il controllo con manovre pericolose, volte anche a fermare l’inseguimento dell’autovettura militare, la fuga dei due nordafricani terminava nei pressi del cimitero di Castelli Calepio dove, dopo aver urtato l’auto di un altro utente della strada, i due uomini tentavano di darsi alla fuga a piedi venendo però bloccati dagli uomini della Sezione Radiomobile e dai colleghi del Comando della Stazione di Martinengo, nel frattempo sopraggiunti in ausilio.

L’arresto

A seguito delle perquisizioni personali, i due nordafricani non venivano trovati in possesso di stupefacente che, invece, veniva recuperato nella via Sabotino di Palazzolo, ovvero nei due involucri in plastica gialla contenenti quattro grammi di cocaina e lanciati precedentemente dal finestrino durante la fuga. La droga veniva posta sotto sequestro – unitamente a 240 euro in contanti poiché ritenuti frutto dell’illecita attività – ed inviata al laboratorio analisi per i successivi accertamenti quali-quantitativi. Dopo le formalità di rito gli arrestati sono stati condotti presso le camere di sicurezza della Compagnia carabinieri di Treviglio in attesa della celebrazione del processo con rito direttissimo che deve essere ancora svolto in modalità telematica.

Necrologie