Cronaca
Chiari

Spaccata in farmacia, i malviventi fuggono con un bottino da 8mila euro

Il gruppo formato da esperti nel "mestiere" ha agito nel cuore della notte.

Spaccata in farmacia, i malviventi fuggono con un bottino da 8mila euro
Cronaca Sebino e Franciacorta, 04 Febbraio 2022 ore 09:05

Sono arrivati sul posto attorno a mezzanotte e nel giro di poco avevano già ripulito la cassa della farmacia.

Sono riusciti a fuggire

Un gruppo, composto da tre individui, a quanto pare esperti del «mestiere», che dopo aver trafugato circa 8mila euro, sono riusciti a scappare a gambe le levate prima dell’arrivo della vigilanza privata e dei carabinieri. La spaccata è avvenuta nella notte tra lunedì 31 gennaio e martedì 1 febbraio all’interno della Santa Chiara, situata in via Sala a Chiari.

"Dalle immagini delle telecamere si vedono tre persone a piedi: due sono entrate, dopo aver alzato la serranda e aver spaccato la vetrata, mentre il terzo è rimasto in strada a fare il palo - ha commentato la titolare - Una volta dentro hanno ribaltato tutto quanto, ma non hanno rubato farmaci o altri prodotti. Hanno trafugato soltanto i soldi in cassa".

Non si tratta di un caso isolato

E il bottino è stato davvero ricco: circa 8mila euro. Una grossa perdita per la farmacia, anche senza contare gli ingenti danni causati dai delinquenti. A quanto pare una banda specializzata, probabilmente la stessa che in questo periodo ha preso di mira altre farmacie, soprattutto in provincia di Bergamo. Purtroppo non è la prima volta che l’attività viene presa di mira dai criminali. In passato si era trattato più che altro di rapine.

"Il nostro sistema di allarme è collegato con la vigilanza privata - ha concluso la farmacista - Ma i ladri sono riusciti a scappare prima del loro arrivo".

Nei giorni scorsi, sempre di notte, dei malviventi hanno rubato soldi anche dalle casse della farmacia Sant’Agape in piazza Aldo Moro. Qui la dinamica è molto diversa: non sono stati causati danni particolari e i ladri sono scappati con un bottino decisamente più esiguo. Si sospetta anche che qualcuno possa essersi nascosto all’interno prima della chiusura. Infatti, probabilmente gli autori non sono gli stessi. Su entrambi i casi, comunque, stanno indagando i carabinieri della stazione di Chiari.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie