Cronaca
recidivo

Sorpreso in un capanno di caccia con un richiamo per uccelli, rischia il ritiro del porto d'armi

Rinvenuto anche un esemplare di sparviero, specie appartenente alla famiglia dei falchi protetta anche dalla normativa Cites.

Sorpreso in un capanno di caccia con un richiamo per uccelli, rischia il ritiro del porto d'armi
Cronaca Sebino e Franciacorta, 12 Ottobre 2021 ore 13:10

Brutta disavventura per un cacciatore con precedenti in termini di trasgressione alle leggi in materia, l'uomo è stato individuato nella giornata di sabato 9 ottobre a Pisogne.

Vietato per legge

In un appostamento fisso di Pisogne i Carabinieri Forestali della Stazione di Pisogne e Darfo Boario Terme, coordinati dal Gruppo Carabinieri Forestale di Brescia, hanno sorpreso all’interno di un capanno di caccia un cittadino. Quest'ultimo aveva con se pronto all'utilizzo  un richiamo elettronico per uccelli vietato per legge, un dispositivo audio che riproduceva il richiamo del tordo bottaccio.

Scovato anche uno sparviero

All’esterno del capanno erano inoltre state posizionate delle trappole per la cattura di avifauna, anch’essi mezzi non consentiti dalla legge. All’interno del capanno, inoltre, tra gli animali abbattuti dal cacciatore,  i militari hanno riconosciuto anche uno sparviero, un esemplare appartenente alla famiglia dei falchi, una specie particolarmente protetta anche dalla normativa Cites.

Non si tratterebbe della prima volta per l'uomo

Il trasgressore, che ha già dei precedenti specifici e a cui è stato sequestrato l’esemplare di sparviero, oltre a dieci tordi bottacci illegalmente abbattuti, i richiami e le trappole vietate, nonché i due fucili che deteneva, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria . Rischia inoltre di vedersi ritirare il porto d’armi.

Necrologie