Cronaca

Simula una rapina, ma era a letto con l’amante

Simula una rapina, ma era a letto con l’amante
Cronaca Montichiari, 29 Giugno 2017 ore 10:31

A Castenedolo un 50enne è stato denunciato per procurato allarme e simulazione di reato. La motivazione? Aveva mentito ai carabinieri e alla moglie alla quale aveva raccontanto di essere stato rapinato e malmenato, invece aveva passato tutto il pomeirggio con l’amante.

Deve aver pensato che tutti potessero credere alla sua contorta storia, l’uomo, che aveva raccontato a tutti che alcune persone lo avrebbero tenuto in ostaggio per molto tempo, malmenandolo e, ovviamente, anche derubandolo.

Per questo si era recato in Poliambulanza a Brescia con la moglie per poter essere medicato e guarito dalle ferite causate dalle botte che diceva di aver preso da questi fantomatici ladri.

In seguito si è poi recato in caserma, sempre con la fedele moglie al seguito. Ed è qui che i carabinieri hanno smascherato tutta la messinscena. Davanti ad alcune domande alle quali non era risucito a rispondere, il 50enne è crollato, confessando tutto.

Una volta trovatosi di fronte la moglie, l’uomo ha ammesso tutte le sue colpe, svelandole quindi di averla tradita.

Non ci rimane altro che sperare, quindi, che oltre alla denuncia, il furbetto possa ricevere quello che si merita anche dalla consorte.


Necrologie