NEL VERONESE

Si fingono sordomuti per raccogliere fondi in centro: due denunciati per accattonaggio molesto

A dire dei truffatori, che si fingevano sordomuti, i fondi raccolti sarebbero stati destinati all’apertura di un centro internazionale dedicato all’assistenza di persone non udenti, disabili e bambini poveri.

Si fingono sordomuti per raccogliere fondi in centro: due denunciati per accattonaggio molesto
Cronaca Garda, 15 Giugno 2021 ore 07:10

Si fingono sordomuti per raccogliere fondi in centro: due denunciati per accattonaggio molesto.

E' accaduto a Verona, ma le segnalazioni erano arrivate anche dal Garda bresciano. Sono stati i Poliziotti di Quartiere ad individuarli tra le vie del centro venerdì mattina, 11 giugno 2021, anche in questa occasione la coppia di malintenzionati stava avvicinando i passanti chiedendo offerte a favore di una fantomatica associazione benefica.

Si fingono sordomuti per raccogliere fondi in centro

A dire dei truffatori, che si fingevano sordomuti, i fondi raccolti sarebbero stati destinati all’apertura di un centro internazionale dedicato all’assistenza di persone non udenti, disabili e bambini poveri. E con questa scusa, i due cittadini originari della Romania, fermati dai poliziotti poco prima di mezzogiorno in Via Scala, avevano già raccolto all’incirca 30 euro.

Il denaro è stato sequestrato unitamente alle cartelline contenenti i moduli che, per risultare più credibili, i due uomini facevano sottoscrivere ai cittadini di buon cuore, favorevoli allo scopo benefico presentato e pertanto disposti a donare i propri soldi. I fogli utilizzati, in lingua italiana e tedesca, riportanti il marchio di una fantomatica associazione chiamata “Handicap International”, prevedevano la compilazione di alcune colonne con l'indicazione dell'importo della donazione, della città, del codice di avviamento postale e della firma della vittima del raggiro.

Truffa segnalata

La truffa era già stata segnalata qualche giorno fa da alcuni commercianti di zona, più volte invitati dalle Forze di Polizia a collaborare denunciando casi sospetti. Già nell’estate dello scorso anno la cooperazione degli esercenti era stata fondamentale per riuscire a smascherare alcuni malintenzionati che con simili modalità erano riusciti ad ingannare altre persone.

In questa occasione sono stati fermati due giovani di 25 e 26 anni, entrambi denunciati per esercizio molesto dell’accattonaggio.

La Questura di Verona invita, quindi, a mantenere alta l'attenzione nei confronti di questo tipo di truffa e sollecita, ancora una volta, i cittadini a segnalare al 113 i soggetti sospetti.

Necrologie