manerbio

Si è spento don Tignonsini, fondatore della Cooperativa di Bessimo

Per 44 anni si è dedicato agli emarginati e al recupero e reinserimento delle persone affette da tossicodipendenza.

Si è spento don Tignonsini, fondatore della Cooperativa di Bessimo
Bassa, 17 Novembre 2020 ore 09:34

Si è spento don Redento Tignonsini, amato missionario e fondatore della Cooperativa di Bessimo.

Addio don Tignonsini

Il sacerdote si è spento lunedì sera, all’età di 87 anni, a causa di un’infezione incurabile al pancreas. nella parrocchia della Sacca, frazione di di Esine, in Valle Camonica. Nato a Pian d’Artogne nel 1933, dopo un’esperienza come curato e sette anni di missione in Kenya, negli anni Settanta è rientrato a Brescia, dove ha preso vita la sua “seconda missione”: la vicinanza agli emarginati e ai tossicodipendenti (fenomeno che all’epoca stava dilagando in Lombardia soprattutto nelle fasce giovanili), per cui ha approntato progetti di recupero e di reinserimento sociale e lavorativo.

Le comunità

Alla costituzione della cooperativa sociale di Bessimo, nel 1979, segue l’apertura delle comunità di Rogno, Concesio, Manerbio (1983) e Gabbioneta Binanuova, la prima in Italia rivolta a nuclei familiari in cui i partner tossicodipendenti possono realizzare un percorso riabilitativo mantenendo con sé i propri figli, fino ad allora allontanati dai Tribunali dei Minorenni e collocati temporaneamente presso famiglie affidatarie per essere riaffidati ai genitori al termine del percorso

“Profondamente addolorati dalla sua scomparsa, ci rassicura il fatto che stiamo tutti portando avanti con passione quello che lui ha iniziato 44 anni fa e che ha permesso di cambiare la vita di migliaia di persone – hanno commentato dalla cooperativa – Ciao Don Redento, ti salutiamo dicendoti ‘ciao uomo’, saluto che usavi tu per rimarcare, sempre, che la persona, pur con le sua difficoltà, va sempre messa al centro e valorizzata nelle sue potenzialità”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia