Sexy truffa a Montichiari, anziani presi di mira

Sexy truffa a Montichiari, anziani presi di mira
27 Ottobre 2016 ore 09:58

Una giovane straniera si avvicina ad un uomo, inizia a parlare, a toccare in modo malizioso il suo corpo e arriva perfino a leccargli il collo. Il motivo? Derubarlo.

Questo è quanto è accaduto al povero 79enne, A.B. ( iniziali del nome), nel parcheggio del bocciodromo a Montichiari.

Il malcapitato stava andando a messa, ma essendo in largo anticipo ha pensato di far una breve sosta al bocciodromo per salutare, come di consuetudine, gli amici. Appeno sceso dall’auto è stato avvicinato da una ragazza che per attaccare bottone avrebbe detto: “Non mi riconosci, sono l’infermiera dell’ospedale?”.  

Secondo la ricostruzione dell’uomo la giovane donna era intenzionata a lasciargli il proprio indirizzo e numero di telefono ma “sfortunatamente” non riusciva a trovare alcun pezzetto di carta nella borsetta. La conseguenza? L’uomo, per aiutarla a trovare qualcosa su cui scrivere queste informazione, l’ha seguita all’interno della sua auto, dove la donna si era già accomodata sul sedile del conducente. Qui la svolta: il signore è stato letteralmente travolto dalle attenzioni della rom. “Mi ha detto che ero un bellissimo uomo – spiega il 79enne – ed ha cominciato a sbottonarmi la camicia, poi a leccarmi il collo, mentre con la mano mi accarezzava le parti intime”.

Ma in tutta questa confusione di baci, carezze e proposte indecenti, l’uomo è riuscito a mantenere la mente lucida accorgendosi che questa “fame fatale” stava cercando di sfilargli la catenina d’oro che aveva al collo: “Ha trovato quello sbagliato, avrei voluto dirgliene quattro, ma è scappata via troppo velocemente.”

Ed ecco scovata anche l’ultima” brillante” e sexy trovata per truffare i maschietti che, come hanno dichiarato le forze dell’Ordine, si sta diffondendo a macchia d’olio in tutta la provincia di Brescia.


Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia