capriolo

Sassi contro la biblioteca e la telecamera: "incastrati" due 16enni

E’ successo domenica alle 23.40. I minorenni sono stati "incastrati" proprio dalle riprese.

Sassi contro la biblioteca e la telecamera: "incastrati" due 16enni
Cronaca Sebino e Franciacorta, 05 Agosto 2021 ore 13:39

Hanno scagliato sassi e pietre contro la porta a vetri della biblioteca e la telecamera di videosorveglianza, ma sono stati incastrati proprio dalle riprese. A finire nei guai son stati due 16enni di Capriolo, denunciati per danneggiamento e concorso in reato.

Sassi contro la biblioteca e la telecamera: "incastrati" due 16enni

E’ successo domenica. Erano le 23.40 circa quando due dei cinque ragazzi che si erano trovati nell’area verde della biblioteca per trascorrere la serata si sono messi a lanciare sassi contro la porta e la telecamera, danneggiando il vetro dell’ingresso e mettendo fuori uso l’occhio elettronico, forse pensando di farla franca. Invece proprio le riprese del sistema di videosorveglianza del Comune li ha incastrati e i due 16enni sono stati immediatamente rintracciati e identificati dalla Polizia Locale.

Gli agenti, guidati dal comandante Mauro Foglia, hanno convocato i responsabili al Comando per sentire la loro versione e successivamente li hanno deferiti alla Procura dei minori per danneggiamento e concorso in danneggiamento. Per sostituire la telecamera e riparare la porta della biblioteca ci vorranno alcune migliaia di euro.

"L'investimento effettuato per installare le telecamere è stato effettuato con l'obiettivo di portare maggiore sicurezza ai cittadini - ha sottolineato il sindaco, Luigi Vezzoli - L'implemento delle telecamere, per le quali sono stati stanziati 55mila euro a bilancio, non può portare altro che maggiori benefici ai cittadini. Per quanto accaduto domenica sono molto dispiaciuto. La cosa pubblica è di tutti e bisogna responsabilizzare questi ragazzi al rispetto del bene comune, perché le riparazioni gravano su tutta la comunità. Che questo episodio debba servire di lezione a tutti".

Necrologie