Cronaca
scatta l'arresto

Ripetuti furti nelle abitazioni di anziani, nei guai due giovani

Per i due si sono aperte le porte del carcere

Ripetuti furti nelle abitazioni di anziani, nei guai due giovani
Cronaca Alto Mantovano, 18 Dicembre 2022 ore 13:51

Ripetuti furti nelle abitazioni di anziani, si aprono le porte del carcere per due giovani.

Ripetuti furti nelle abitazioni di anziani, scatta l'arresto

Nella mattinata di venerdì 16 dicembre 2022 i Carabinieri del Comando provinciale di Mantova e quelli della Compagnia di Fossano (CN), hanno eseguito una misura cautelare di custodia in carcere richiesta e ottenuta dalla  Procura della Repubblica di Mantova nei confronti di due giovani residenti in provincia di Cuneo in ipotesi accusatoria ritenuti responsabili di furti in abitazione commessi nei confronti di persone anziane, falsa attestazione di appartenenza alla Polizia di Stato e possesso di relativi segni distintivi, rapina, uso di targhe automobilistiche contraffatte ed altro.

Le indagini

Le relative indagini, svolte dal Nucleo Investigativo di Mantova in collaborazione con gli organi operativi delle Compagnie di Viadana e Castiglione delle Stiviere (MN), coordinate dalla Procura della Repubblica di Mantova, sono scaturite da due episodi di furto in abitazione verificatisi nel gennaio 2022 in Piubega (MN) ed Acquanegra sul Chiese (MN) ai danni di persone anziane. Nel secondo dei due eventi, i presunti autori, allontanatisi a bordo di un’autovettura, erano stati notati da un familiare del derubato che li aveva rincorsi con il proprio furgone, fino a quando, sulla pubblica via, il veicolo dei fuggitivi era entrato collisione con quello dell’inseguitore subendo entrambi gravi danni. I presunti responsabili, obbligati a tal punto ad abbandonare la loro autovettura, hanno cercato di rapinare la vettura di un'altra automobilista di passaggio, la quale è riuscita a fuggire. Si  sono però impadroniti  di un' altra autovettura che in quel momento stava transitando e sulla quale viaggiavano due ragazzi della zona, riuscendo così ad allontanarsi, causando nella circostanza anche lesioni personali ad un altro giovane che aveva cercato di impedire quest’ultimo reato.

Cosa è stato sequestrato

Nel corso dell’indagine sono state sequestrate false casacche della Polizia di Stato ed altri segni distintivi che sono stati indossati e/o esibiti nel corso delle azioni furtive nonché targhe automobilistiche posticce di volta in volta applicate sul veicolo utilizzato per il compimento dei reati al fine di non rendersi identificabili. I soggetti nei cui confronti è stata eseguita la misura, sono ora nella Casa Circondariale di Cuneo in attesa di interrogatorio.

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie