Schiacciato dal braccio meccanico: muore un operaio

L'uomo è rimasto intrappolato fra il cestello della gru e il muro.

Schiacciato dal braccio meccanico: muore un operaio
Bassa, 04 Dicembre 2019 ore 13:51

Non ce l’ha fatta l’uomo soccorso poco fa a Zurlengo. Secondo le prime informazioni si tratterebbe di un operaio di 52enne che si trovava sul suo camioncino intendo a installare i fili della fibra ottica proprio davanti alla bottega dei fratelli Marini: era salito a bordo cestello del braccio meccanico quando all’improvviso si è consumata la tragedia. Forse per un guasto del dispositivo meccanico, l’uomo è rimasto intrappolato con il collo tra il cestello e il muro del tetto. Inutili le segnalazioni dei passanti, che hanno subito chiamato i soccorsi, i tentativi si spostare il braccio e del collega, arrampicatosi sul muro per tentare di aiutarlo: per l’uomo non c’è stato nulla da fare, è morto soffocato.

Rimane schiacciato mentre lavora

5 foto Sfoglia la gallery

E’ successo verso le 13.30, a Zurlengo, in via San Giovanni Battista. La dinamica dell’infortunio non è ancora chiara, ma stando alle prime informazioni una persona sarebbe rimasta schiacciata mentre si trovava per strada. Allertati sul posto si sono fiondati i soccorritori di Orzinuovi, ma data la gravità della situazione si è alzata in volo anche l’eliambulanza. Presenti anche i Carabinieri della Compagnia di Verolanuova, i Vigili del Fuoco e l’Asst della Franciacorta.

Si tratta di un operaio di Dalmine

La vittima del tragico incidente è Antonio Alfieri, 52 anni, originario di Napoli ma residente a Dalmine, in provincia di Bergamo e lavorava alla 3MC Telecomunicazioni di Monza.

Seguiranno aggiornamenti

TORNA ALLA HOME PAGE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia