Cronaca
L'operazione

Riciclaggio: 27 misure cautelari personali e sequestri per oltre 93milioni di euro

L'articolata indagine è stata coordinata dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Brescia.

Cronaca Brescia, 07 Settembre 2022 ore 10:47

Oggi (mercoledì 7 settembre 2022), al termine di un’articolata indagine coordinata dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Brescia, è in corso l’esecuzione, da parte del Comando Provinciale Carabinieri di Brescia e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Brescia, di 27 misure cautelari personali e di un sequestro per oltre 93 milioni di euro.

Le indagini hanno preso il via nel 2019

Si tratta dell'epilogo di un’attività investigativa condotta a partire dal 2019, dalla Compagnia Carabinieri di Gardone Val Trompia e dalla Tenenza della Guardia di Finanza di Gardone Val Trompia. Le indagini, avviate dall’Arma dei carabinieri in relazione ad ipotesi di riciclaggio nei confronti di un sodalizio i cui indagati avevano vari precedenti, tra cui, in particolare, gestione di rifiuti non autorizzata e traffico di stupefacenti, hanno consentito di indagare sull’esistenza di una frode fiscale, in relazione alla quale la Guardia di Finanza ha condotto gli accertamenti economico finanziari, anche mediante l’approfondimento di numerose segnalazioni di operazioni sospette. Sulla base del quadro probatorio emerso, l’Autorità giudiziaria ha, infine, disposto l’esecuzione di 27 ordinanze di custodia cautelare, di cui 8 in carcere, 14 degli arresti domiciliari e 5 obblighi di dimora, nonché il sequestro preventivo di disponibilità finanziarie, immobili, veicoli e quote societarie, per oltre 93 milioni di euro.

Le regioni coinvolte

Le operazioni, che hanno visto coinvolte circa 200 unità di personale appartenenti a Reparti delle due Forze di Polizia, sono state condotte in Lombardia, Veneto, Toscana, Campania, Lazio, Marche, Liguria, Calabria, Sicilia e Sardegna. Si evidenzia che tale sequestro è stato disposto sulla scorta degli elementi probatori acquisiti in fase di indagine preliminare, pertanto, in attesa di giudizio definitivo, sussiste la presunzione di innocenza.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie