BEDIZZOLE

Rapito, rapinato e torturato: paura per un 24enne a Bedizzole, tre arresti

Caricato sull’automobile dei sequestratori con tanto di cappuccio e minacciato con un coltello, il giovane è stato portato a Bedizzole, in via Monteroseo, dove sfruttando lo spazio antistante una vecchia cascina sarebbe stato torturato, picchiato e derubato

Rapito, rapinato e torturato: paura per un 24enne a Bedizzole, tre arresti
Cronaca Garda, 20 Maggio 2021 ore 09:17

Rapito, rapinato e torturato: paura per un 24enne a Bedizzole, tre arresti.

Rapina aggravata, sequestro di persona e lesioni. Sono queste le accuse a cui dovranno rispondere tre uomini di età compresa tra i 24 e i 30 anni che hanno aggredito e derubato un 24enne della Bassa nella serata di martedì 18 maggio. La vicenda, che ha avuto come scenario Bedizzole, è iniziata a Desenzano del Garda, dove il 24enne avrebbe dovuto incontrare un conoscente per saldare un debito. A quel punto il giovane sarebbe stato preso di mira da una vera e propria banda, composta da due italiani (uno di origine cinese e l’altro di origine marocchina) e un tunisino che l’avrebbero trascinato fuori dall’auto e aggredito, spruzzandogli negli occhi uno spray urticante.

La dinamica

Caricato sull’automobile dei sequestratori con tanto di cappuccio e minacciato con un coltello, il giovane è stato portato a Bedizzole, in via Monteroseo, dove sfruttando lo spazio antistante una vecchia cascina sarebbe stato torturato, picchiato e derubato dei propri averi, tra cui portafoglio e smartphone. Recatosi dai Carabinieri per sporgere denuncia di smarrimento, le indagini degli uomini dell’Arma hanno presto fatto chiarezza sull’accaduto ed esaminando i nastri delle telecamere di sicurezza sono rinvenuti ai componenti della banda criminale, che sono stati arrestati nella mattinata di mercoledì 19 maggio. Il giudice ha convalidato il fermo in carcere per i tre imputati. La vittima, dopo le cure sanitarie ricevute, è stato dimesso con alcuni giorni di prognosi per le contusioni riportate dall’aggressione e uno shock che non dimenticherà facilmente.

Necrologie