nei guai madre, figli, compagno, zio e nipote

Quando coltivare “erba” è un affare… di famiglia: in arresto in sei

Sequestrate tre serre e cinque chili di marijuana pronta per essere venduta.

Quando coltivare “erba” è un affare… di famiglia: in arresto in sei
Valli, 11 Agosto 2020 ore 12:20

Nello scorso fine settimana i Carabinieri della Compagnia di Breno hanno portato a termine un’attività antidroga che ha consentito di trarre in arresto sei persone di un’unica famiglia dedita alla coltivazione di marijuana.

Quando coltivare “erba” è un affare… di famiglia: in arresto in sei

A Pian Camuno sono stati arrestati una mamma, i suoi due figli e l’attuale compagno, oltre al fratello e al nipote della donna. I Carabinieri hanno eseguito delle perquisizioni presso le loro tre abitazioni e sono stati sequestrati quasi 5 kg di marijuana, oltre a tre serre con tanto di impianti di illuminazione, areazione e tutti gli accorgimenti necessari a garantire il buon raccolto dell’erba.

Le perquisizioni

Il primo ad essere stato sottoposto a controllo è stato il 48enne operaio compagno della donna di 50 anni, a sua volta madre di un ragazzo di 32 e di una ragazza di 23anni.

Nell’auto dell’uomo, che si stava recando a lavoro, i Carabinieri hanno trovato 220 grammi di marijuana. Nell’abitazione che lo stesso condivide con la sua nuova famiglia erano invece nascosti quasi 1 chilo e mezzo della stessa sostanza. Nel sottotetto dell’appartamento di Vissone in uso alla ragazza 23enne sono state sequestrate una ventina di piante di marijuana, dell’altezza di circa un metro e mezzo ciascuna, pronte ad essere raccolte.

A quel punto l’attività di ricerca è stata estesa all’abitazione dello zio dei ragazzi, ubicata vicino alla loro casa. I Carabinieri hanno rinvenuto un barattolo contenente 35 grammi di erba, oltre a tremila euro in contanti. Nel sottotetto erano presenti due serre che erano state appena smontate.

Il nipote aveva in camera quasi tre chili di “maria”

L’ultimo arresto è stato quello del nipote della donna, un pregiudicato 29enne, residente come tutti gli indagati a Pian Camuno. Nella sua camera sono stati sequestrati quasi tre chilogrammi di marijuana e duemila euro, ritenuti provente di spaccio.

Per tutti e sei i parenti, accomunati dall’hobby per la coltivazione “fai da te” dello stupefacente, è stato convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di firma presso la Stazione di Artogne.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia