Quinzano d'Oglio

“Qualcuno si è buttato dal ponte”, ma era un falso allarme

Si è rivelata poi una segnalazione infondata

“Qualcuno si è buttato dal ponte”, ma era un falso allarme
Bassa, 19 Novembre 2020 ore 16:38

«Aiuto, mi è sembrato di vedere qualcuno che si è buttato dal ponte dell’Oglio».  E’ questa la telefonata, abbastanza confusa, che hanno ricevuto le Forze dell’Ordine giovedì mattina e che ha letteralmente scatenato il putiferio.

La vicenda

Sembrerebbe infatti, che un uomo abbia chiamato il 112 mentre transitava in auto sul ponte dell’Oglio tra Quinzano e Bordolano, denunciando di aver visto «qualcosa o qualcuno» cadere nel fiume. Poi ha riattaccato e non ha più risposto alle chiamate dei militari.
Subito si sono mossi i mezzi di soccorso: ambulanze, vigili del fuoco, i carabinieri di Cremona e della stazione di Verolanuova, la Polizia locale e anche i rappresentanti dell’Amministrazione comunale quinzanese per verificare se effettivamente, qualcuno avesse deciso di commettere un tragico gesto.
Non avendo nessun testimone oculare sul posto, i soccorritori hanno deciso comunque di dare il via alle ricerche: chi è sceso sulle rive del fiume per controllare, i pompieri che hanno guadato il tratto col canotto e un’ambulanza, che nonostante il periodo terribile, è rimasta ferma per metà mattina sulla strada, in caso si dovesse trasportare qualcuno all’ospedale.
Ricerche tuttavia che hanno dato esito negativo dato che nelle acque non è stato trovato nessuno, almeno per il momento.
I militari sono riusciti inoltre a intercettare l’uomo che stava passando sul ponte e che ha chiamato il numero di emergenzache però, di fronte all’Arma, ha negato di aver fatto la segnalazione, nonostante il numero registrato fosse il suo. Adesso potrebbe rischiare una denuncia per procurato allarme. Per fugare ogni dubbio inoltre, le indagini procederanno scrupolosamente.

 

Leggi l’articolo su Manerbio Week, in edicola domani, venerdì 20 novembre

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia