Prostituzione, annullata multa ad un bresciano

Prostituzione, annullata multa ad un bresciano
17 Novembre 2016 ore 10:00

Annullata la multa da 500 euro comminata dalla Polizia locale. Il giudice di pace di Brescia ha accolto il ricorso di un bresciano che era stato multato per essersi avvicinato in auto ad una prostituta.

Il ricorso è stato accolto in quanto, secondo il giudice di pace, un organo diverso dallo Stato non può disciplinare la lotta alla prostituzione perché ciò esula dai suoi poteri.

Inoltre, sempre secondo il giudice di pace, a una norma secondaria è vietato contrastare una norma di tipo primario: se la prostituzione, seppur contraria al buon costume, non costituisce un’attività illecita, è preclusa la possibilità di porre delle regole che creino ostacolo o intralcio allo svolgimento di tale libertà se non mediante leggi statali, come si desume dai principi espressi da una sentenza della Corte Costituzionale.


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia