chiari

Proliferazione degli scarafaggi: è iniziata la lotta

Comune e privati sono chiamati ad intervenire in sinergia.

Proliferazione degli scarafaggi: è iniziata la lotta
Bassa, 06 Agosto 2020 ore 13:14

La battaglia alla proliferazione degli scarafaggi va fatta congiuntamente tra Comune e cittadini: solo così si avranno risultati incisivi, per il bene della collettività», lo ha detto l’assessore all’Ambiente Chiara Facchetti.

Proliferazione degli scarafaggi: è iniziata la lotta

Se n’è parlato nell’ultimo Consiglio comunale, ma il tema era già stato segnalato da alcuni cittadini all’Ufficio Ecologia che si era adoperato per verificare l’entità del fenomeno.
In seguito ai sopralluoghi, è stato chiesto alla Società Acque Bresciane, in qualità di gestore del Servizio Idrico Integrato, l’effettuazione delle necessarie verifiche nelle reti pubbliche idrico-fognarie al servizio delle zone in cui era stata segnalata la presenza di questi insetti, nonché l’adozione di provvedimenti mirati ed efficaci al controllo della proliferazione di blatte.

I tecnici di Acque Bresciane hanno concluso il monitoraggio di tutte le vie segnalate dai cittadini tramite l’ufficio Ecologia ed è già iniziata un’operazione di pulizia più approfondita e di spurgo in particolare nelle vie segnalate.
Oltre a ciò, «l’Amministrazione già provvede ad assicurare, tramite Chiari Servizi, regolari interventi di raccolta dei rifiuti (differenziati o abbandonati al suolo) e di pulizia degli spazi pubblici: elementi cruciali per evitare che gli scarafaggi si diffondano.

Tuttavia, come anche nel caso di altri fenomeni simili (ad esempio, le zanzare contro la cui proliferazione il Comune è attivo da sempre), è palese che le aree di competenza pubblica (aree stradali, edifici pubblici, reti sottoservizi) sono in numero inferiore rispetto alle aree private (abitazioni e cortili, giardini e spazi aperti, reti servizi private). Per questo motivo, non essendo realisticamente perseguibile l’eliminazione totale della presenza di tali insetti, per avere una prevenzione diffusa e un contenimento deciso, occorre che siano effettuati interventi mirati anche nelle aree private per la rimozione dei focolai. E’ però necessario che per combattere gli scarafaggi, anche i privati cittadini facciano la propria parte. Ma cosa si può fare?

«Intervenire con i principali prodotti in commercio in tutti i supermercati, sigillare i punti di entrata delle condotte tecniche di gas, acqua, cavi elettrici e telefonici e scarichi fognari, che devono essere provvisti di sifone e funzionanti; pulire i pozzetti e le griglie nei cortili ed interni agli edifici, con asportazione di tutto il materiale organico; stuccare eventuali crepe e fessure nei pavimenti, pareti e soffitti; svuotare e pulire le fosse biologiche, le fognature e i relativi pozzetti; pulire gli scantinati e i luoghi di deposito anche temporaneo di rifiuti», ha spiegato il Comune.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia