Dissesto idrogeologico

Pavone investe nella sicurezza del territorio

Il Comune è tra i primi ad aver attuato uno studio sulla tutela del territorio

Pavone investe nella sicurezza del territorio
Bassa, 27 Agosto 2020 ore 11:45

L’Amministrazione si è dimostrata attenta e motivata a risolvere in anticipo tutte le problematiche del territorio legate a intesi fenomeni metereologici.

Dissesto idrogeologico

Mercoledì sera, in Municipio, alla presenza dell’Amministrazione e dei funzionari comunali è stato presentato Lo Studio semplificato del rischio idraulico comunale eseguito dal geologo Corrado Aletti e dall’ingegnere Antonio di Pasquale. Tale studio è specifico per individuare le criticità del territorio e come risolverle ed averlo commissionato è un fiore all’occhiello dell’Amministrazione che è tra la poche, anzi pochissime, che ha deciso di intervenire in un modo così puntuale e concreto. “Pavone non presenta vere e proprie situazioni di grave rischio per strutture o persone legato alla rete di smaltimento delle acque meteoriche – ha spiegato Aletti – Molto bene che il Comune abbia deciso di investire sulla tutela del territorio, troppo spesso trascurato”.

Gli interventi

Nell’ultimo anno sono stati risolti i problemi relativi al depuratore ed in via Ferrari, ora si stanno progettando interventi per tutelare le zone del centro storico, del quartiere di via Togliatti e della strada che dal cimitero porta al paese. Tra gli interventi in fase di studio c’è la realizzazione di aree di laminazione, conche per la raccolta dell’acqua, da realizzare nelle zone agricole, che serviranno in caso di eventi metereologici importanti, quali le bombe d’acqua, per tenere in sicurezza l’area urbana. “Siamo orgogliosi di essere stati tra i primi comuni ad investire nella tutela del territorio perché crediamo che sia importante risolvere i problemi dei cittadini e le criticità che ci hanno evidenziato”, ha dichiarato il sindaco Mariateresa Vivaldini.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia