Menu
Cerca
INIZIATIVA SOLIDALE

Pasqua, alla Lautari la solidarietà vola sulle ali delle colombe griffate Mainardi

Non potendo organizzare eventi in presenza, la comunità è attiva sempre con nuovi progetti atti a sostenere la realtà gardesana.

Pasqua, alla Lautari la solidarietà vola sulle ali delle colombe griffate Mainardi
Cronaca Garda, 22 Marzo 2021 ore 15:28

Il dolce gourmet sarà in vendita da giovedì 25 marzo.

Pasqua, alla Lautari la solidarietà vola sulle ali delle colombe griffate Mainardi

Da giovedì sarà possibile acquistare online o telefonicamente dalla comunità Lautari le colombe griffate Andrea Mainardi. Una collaborazione nata sotto il segno della solidarietà in un momento di preoccupazione e difficoltà.

“Visto il periodo difficile che viviamo da un anno e che tutti abbiamo dovuto imparare a reinventarci – ha spiegato lo chef atomico – Da qualche tempo stavo pensando di unire le mie competenze al sociale.  Parlando con il  presidente della comunità Andrea Bonomelli, che conosco da tempo, è nata l’idea delle colombe per aiutare i ragazzi. Così ho aderito con entusiasmo  per sostenere il progetto che aiuta una realtà dedita al sociale come sua prima missione, che reintegra i ragazzi con un passato complicato”.

Da qui è nato il progetto della colomba Mainardi Backery per la Comunità Lautari. Saranno le colombe ai tre cioccolati, una vera gioia per il palato di chi deciderà di acquistarla, unita alla gioia di aver aiutato economicamente un ragazzo in difficoltà ma con tanta speranza di rinascita a un futuro nuovo”. Grande entusiasmo in casa Lautari per la mano tesa da Mainardi.

“Io e Andrea Mainardi ci siamo conosciuti qualche anno fa durante per un evento che avevo organizzato – ha commentato Bonomelli – In quella circostanza aveva conosciuto da vicino la nostra realtà  e da subito si era dimostrato una persona molto sensibile. Per questo ho pensato a lui per il progetto legato alla Pasqua e alla creazione delle colombe. Come tutti anche noi abbiamo risentito di questo lungo periodo di pandemia, soprattutto dal punto di vista economico e siccome la nostra realtà da sempre si autogestisce in modo da non pesare sulle famiglie dei ragazzi, Non potendo organizzare durante le chiusure la nostra iniziativa informazione e prevenzione nata per la raccolta fondi, cerchiamo di creare sempre nuovi progetti che ci aiutino a sostenerci. Noi siamo una grande famiglia che ogni giorno lotta per aiutare i propri ragazzi ad andare avanti e costruirsi un futuro nuovo per reintegrarsi all’interno società”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Necrologie
Idee & Consigli