CoVid

Orzinuovi, torna l’ombra del Covid: in una settimana 21 contagiati

Non è ancora finita: bisogna tenere la guardia alta

Orzinuovi, torna l’ombra del Covid: in una settimana 21 contagiati
Bassa, 07 Novembre 2020 ore 10:54

Orzinuovi, torna l’incubo Covid: in una settimana 21 contagiati, in un mese 51.

Torna l’ombra del Covid

L’ha confermato il sindaco Gianpietro Maffoni ieri in un messaggio rivolto agli orceani, dove ha invitati tutti a fare attenzione e a utilizzare prudenza per far si che non si ritorni allo stato di forte emergenza di marzo e aprile. Tuttavia i dati sono preoccupanti: prima è necessario pensare alla salute. “Speravo di non dovervi più parlare di CoVid ma lo scenario non è rassicurante – ha detto in una comunicazione rivolta alla cittadinanza – La prudenza è obbligatoria specialmente per il fatto che in paese, negli ultimi giorni, il numero dei contagi è salito. Vorrei sottolineare che il personale medico è pronto ad ogni evenienza, nulla sarà lasciato al caso ma anche a fronte delle nuove restrizioni spero che i cittadini tengano a mente che il Comune è sempre presente. Sono vicino alle aziende, che stanno soffrendo: nelle ultime ore, come parlamentare, ho chiesto al governo il perché nella provincia si sia arrivati ad adottare queste forti limitazioni, senza il tempo necessario, senza un confronto adeguato e senza il tener conto di tutti i sacrifici fatti, quando forse non erano necessarie”. Parole forti.

I numeri sono preoccupanti

“La salute tuttavia verrà sempre messa sempre al primo posto – ha proseguito – Oggi Orzinuovi registra un totale di 297 contagi: dal 31 ottobre ad oggi ne abbiamo avuti 21, nell’ultimo mese 51. Non mi risultano ospedalizzati, non posso saperlo con certezza però, ma è un dato che ci indica a tenere la guardia alta”.  L’Amministrazione è presente. “La Giunta c’è, siamo sempre pronti ad ascoltare e aiutare – ha concluso – Un appello ai giovani: la situazione è seria, fate attenzione”.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia