Cronaca
Anti - bracconaggio

Operazione "Balia Nera", i carabinieri forestali in difesa delle valli lombarde

Sette le persone denunciate, sequestrati 204 esemplari morti e 92 esemplari vivi di avifauna protetta e particolarmente protetta.

Operazione "Balia Nera", i carabinieri forestali in difesa delle valli lombarde
Cronaca Brescia, 22 Settembre 2022 ore 16:25

Operazione Balia Nera per arginare i fenomeni di bracconaggio nelle valli lombarde.

I protagonisti in prima linea

Da poco conclusa l'operazione è stata condotta dal Reparto Operativo – Sezione Operativa Antibracconaggio e Reati in Danno degli Animali del Raggruppamento Carabinieri CITES, con il supporto del Nucleo Carabinieri CITES di Bergamo e la collaborazione delle Associazioni CABS e LIPU, volta a reprimere i fenomeni di bracconaggio nelle valli lombarde.

Posizione strategica

Tali valli, per la propria posizione geografica, sono uno snodo fondamentale lungo le rotte migratorie dei piccoli passeriformi, che si spostano dalle aree di nidificazione dell’Europa settentrionale verso quelle di “svernamento” del bacino del Mediterraneo e del continente africano, costituendo una ricchezza inestimabile in termini di biodiversità. Una concentrazione imponente di uccelli che, stremati dalle lunghe distanze percorse, sono particolarmente vulnerabili, in particolare sui valichi montani che costituiscono un “collo di bottiglia” per la migrazione, diventando oggetto di intenso bracconaggio, con gravi ripercussioni sui sistemi ecologici. Si tratta di specie protette e particolarmente protette dalle leggi nazionali e da convenzioni internazionali poiché fortemente minacciate.

Scatta il sequestro

I controlli dei Carabinieri Forestali hanno portato al deferimento alla Procura della Repubblica di 7 persone per presunte violazioni in materia di maltrattamento animali, attività venatoria, armi e contraffazione di sigilli di Stato, al sequestro di 204 esemplari morti e 92 esemplari vivi di fauna protetta e particolarmente protetta, tra cui balie nere, pettirossi, scriccioli, passere scopaiole, frosoni, verdoni e fringuelli, 241 mezzi di caccia non consentiti (219 trappole “sep”, 14 reti per uccellagione, 8 “prodine”), una pinza ed un punteruolo per la manomissione e la contraffazione degli anelli identificativi inamovibili (sigilli di Stato), un fucile e 253 cartucce a munizione spezzata non custoditi, un richiamo acustico a funzionamento elettromagnetico. L’avifauna viva sequestrata è stata affidata al centro di recupero animali selvatici (CRAS) “Oasi WWF Valpredina” di Bergamo per il successivo rilascio in natura a seguito della completa riabilitazione al volo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie