ATTO VANDALICO

Nuovo sfregio al Parco Caduti di Nassiriya a Montichiari: rubate perfino le rose

I nove cespugli di rose erano state piantati solo poco settimane fa dal Brigadiere in pensione Felice Bellantuono

Nuovo sfregio al Parco Caduti di Nassiriya a Montichiari: rubate perfino le rose
Montichiari, 10 Giugno 2020 ore 17:37

di Marzia Borzi

Non conosce pace il Parco Caduti di Nassiriya a Montichiari e soprattutto non c’è rispetto per il monumento ai Carabinieri che sorge al suo interno: nottetempo qualcuno ha rubato perfino i cespugli di rose che lo adornavano.

Il dono

I nove cespugli di rose erano stati piantati solo poche settimane fa dal Brigadiere in pensione Felice Bellantuono che aveva voluto omaggiare in questo modo il simbolo dell’Arma, nella quale per lunghi anni ha prestato servizio e che nel suo cuore non ha mai smesso di servire.

Bellantuono, dopo aver inviato una email al Vice Sindaco Angela Franzoni dove chiedeva la possibilità di abbellire l’importante luogo con dei cespugli fioriti, si era sentito rispondere che al momento le priorità del Comune erano focalizzate altrove e ci sarebbe voluto del tempo per intervenire. Aveva, però, ricevuto il via nel poter eseguire l’abbellimento personalmente e aveva così piantato subito le splendide rose guidato solo dall’amore che da sempre sente per l’Arma e per un luogo che è il simbolo stesso del sacrificio per la Patria.

Lo sfregio

Questa mattina però la beffarda scoperta: qualcuno si era divertito nottetempo ad estirpare i roseti e a distruggere il dono del monteclarense.

“Mi domando a chi possano dare tanto fastidio delle rose – ha esclamato Bellantuono sull’accaduto – domani mattina comunque andrò a ricomprarle e le ripianterò. Non mi do per vinto.”

Il parco, che sorge in pieno centro a Montichiari, non è nuovo ad episodi di vandalismo che più di una volta hanno preso di mira proprio il monumento ai Carabinieri, deturpato con scritte e motti infamanti.

TORNA A HOME PAGE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia