Menu
Cerca

Nessuna sentenza del Tar: la Beton scavi sta riqualificando la zona

Nessuna sentenza del Tar: la Beton scavi sta riqualificando la zona
Cronaca 19 Aprile 2017 ore 09:35

Trovato accordo con il Comune: la società Beton scavi, oltre a pagare l'ammenda di 1 milione e 900 mila euro, si occuperà di riempire il cratere e piantumare la zona.

Questa la decisione presa dall'azienda che ha deciso di rinunciare al ricorso al Tar contro l'ordinananza emessa dall'Amministrazione comunale che le imponeva di riempire il bacino estrattivo, condannnandola così al pagamento di un milione e 900 mila euro. Da qualche giorno, i camion ricolmi di sabbia, vanno avanti e indietro per riempire il cratere. La contestazione era avvenuta a maggio del 2014, quando la Beton scavi fu tacciata dal Comune di aver estratto, senza permesso, 138 mila metri cubi di terra. Oltre alla multa l'Amministrazione aveva imposto all'azienda di cessare ogni attività estrattiva e avviare un piano di riqualificazione. La società aveva deciso di impugnare tutto davanti al Tar, ma prima della decisione del tribunale, le parti si sono accordate. 

 

 


Necrologie