Menu
Cerca
CORONAVIRUS

Molecolari: Brescia tra i primi per numero di tamponi. Anche così si spiegano i dati sui positivi

Simona Tironi, vicepresidente della Commissione Sanità: "Il welfare regionale ci ha consentito di fare chiarezza".

Molecolari: Brescia tra i primi per numero di tamponi. Anche così si spiegano i dati sui positivi
Cronaca 10 Febbraio 2021 ore 16:16

Molecolari: Brescia tra i primi per numero tamponi. Anche così si spiegano i dati sui positivi. A parlarne la vice presidente della Commissione Sanità in Regione Lombardia Simona Tironi.

Molecolari: Brescia tra i primi per numero tamponi. Anche così si spiegano i dati sui positivi

Nel confronto tra le otto ATS lombarde, il numero di tamponi effettuati nel bresciano è risultato il più elevato dopo quello della provincia di Milano, che ha risaputamente una popolazione superiore.
Ecco che con oltre 26 mila e trecento esami effettuati nella settimana tra il 2 e l’8 febbraio su una popolazione provinciale di 1.271.639 abitanti, Brescia e provincia si confermano dunque uno dei territori più virtuosi per numero di tamponi.

“I dati confermano un’impressione che avevamo già da qualche tempo" ha sottolineato Simona Tironi, vicepresidente della Commissione Sanità.
Secondo la forzista, infatti, i numeri dimostrano ancora una volta come Brescia sia un territorio nel quale si sta facendo un lavoro capillare di screening con un alto numero di tamponi.
"Anche se sappiamo che non è l’unica variabile, certamente il numero di tamponi ha conseguenze sul numero di positivi” ha aggiunto la politica bresciana.

Nella settimana dal 2 all’8 febbraio, infatti, solo l’ATS Milano, con oltre 48 mila tamponi, ha fatto meglio di Brescia. Si fermano invece a 21 mila i test effettuati nell’ATS Insubria.
Circa 15 mila per la Brianza, 13 mila per Val Padana, 12 mila per Bergamo, 8 mila Pavia e 4 mila per l’ATS della Montagna.
“Questo conferma l’impegno della nostra ATS e delle ASST Bresciane - ha ribadito Tironi - Se guardiamo ai numeri comparati, il territorio di Brescia fa meglio delle altre province lombarde e i numeri dei positivi hanno tutt’altra rilevanza. L’importanza della trasparenza con cui lavora il Welfare regionale ci ha consentito di fare chiarezza anche su questo aspetto. Ora proseguiamo con il lavoro di monitoraggio e con la campagna vaccinale, che vede l’organizzazione regionale impegnata al massimo".

Necrologie