Cronaca
Regione Lombardia

Maltrattamenti a bimba disabile a scuola, interviene il consigliere regionale Francesca Ceruti

Ceruti: "Sono sempre più convinta che le telecamere e la sorveglianza di questi spazi frequentati dai bambini siano fondamentali."

Maltrattamenti a bimba disabile a scuola, interviene il consigliere regionale Francesca Ceruti
Cronaca Bassa, 02 Maggio 2022 ore 15:31

Il consigliere regionale leghista, la bresciana Francesca Ceruti vice presidente della Commissione Garante per l'infanzia e l'adolescenza di Palazzo Pirelli commenta la notizia dell'assistente scolastica arrestata dai carabinieri nel Bresciano per lesioni aggravate ai danni di una bambina disabile.  

 

La necessità di installare telecamere di sorveglianza

“Sdegno e sgomento per quanto accaduto. I miei complimenti all’Arma dei Carabinieri per aver soccorso la bambina. Gli atti di violenza verso i minori in generale già di per sé sono disumani, ma lo diventano ancora di più quando ne sono vittime i portatori di disabilità. Con questi atteggiamenti inqualificabili viene violentemente leso sia il diritto del minore a frequentare serenamente la scuola che la libertà privata dello stesso; viene anche tradita la fiducia che i genitori ripongono verso le persone cui affidano i loro figli, violando il diritto di farli crescere in un luogo protetto destinato all'educazione, che per colpa di qualcuno si trasforma in un inferno”, aggiunge Ceruti. Che spiega: “L'operazione messa in campo dai carabinieri di Isorella ha portato alla luce un episodio di violenza, che se confermato, suscita tristezza, amarezza e sdegno . A tutti gli uomini del Comando di Isorella e al comandante Giovanni Guida va il mio riconoscimento e ringraziamento, come persona delle istituzioni e come mamma. Interventi simili richiedono nervi saldi ma anche un profondo sentimento d'amore e le immagini del carabiniere che prende la minore, e la stessa che si lancia nelle sue braccia, è commovente e fa comprendere lo stato di profonda prostrazione in cui si trovava. Episodi di questo genere non dovrebbero accadere mai. Per questo motivo, conclude il consigliere regionale, sono sempre più convinta che le telecamere e la sorveglianza di questi spazi frequentati dai bambini siano fondamentali. Chi non ha nulla da temere non può non condividere questo pensiero”.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie