Cronaca
Una brutta vicenda!

Maestro di arti marziali finisce in manette, è indagato per violenza sessuale

L'uomo si trova attualmente agli arresti domiciliari in attesa degli interrogatori.

Maestro di arti marziali finisce in manette, è indagato per violenza sessuale
Cronaca Brescia, 22 Aprile 2022 ore 12:00

Nella mattinata di mercoledì 20 aprile, i Carabinieri della Sezione Operativa del Norm (Nucleo Operativo e Radiomobile) della Compagnia di Chiari e quelli della Stazione di Cologne  hanno eseguito un’ordinanza cautelare con la quale sono stati disposti gli arresti domiciliari nei confronti di un uomo di 52 anni, maestro di arti marziali in una palestra bresciana, ritenuto il presunto responsabile del reato di violenza sessuale. Insieme alla moglie, di 42 anni e ad un altro uomo, 53enne, sono indagati a vario titolo anche per l'esercizio abusivo della professione medica, commercio abusivo di farmaci illegali e truffa aggravata. L’ordinanza è stata emessa dal Gip di Brescia, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Sotto sequestro i locali della palestra

Le indagini sono partite dal territorio, da una vittima in particolare residente nella zona della Franciacorta, le indagini sono state condotte da ottobre e fino a gennaio. Il principale indagato avrebbe sfruttato il suo ruolo carismatico di maestro di arti marziali per creare un rapporto di dipendenza psicologica con alcuni allievi ed allieve che frequentavano la sua palestra, spingendoli a sessioni di sesso di gruppo cui talvolta avrebbe partecipato anch’egli, spesso insieme alla moglie che si sarebbe dedicata all’organizzazione degli incontri. Alcune delle vittime (donne) hanno denunciato di aver subito violenze sessuali durante queste occasioni. Nella palestra di Brescia, dove insegnava arti marziali, il “maestro” avrebbe praticato anche agopuntura senza averne titolo, così come avrebbe prescritto farmaci anoressizzanti o finalizzati al miglioramento/potenziamento delle prestazioni sessuali, il cui commercio sul territorio nazionale è vietato, importandoli dall’estero. I locali della palestra sono stati posti sotto sequestro preventivo dalla magistratura. Marito e moglie abitavano a Brescia ma da qualche tempo risiedono a Paitone.

Giro di denaro

Infine, attraverso un broker finanziario di sua conoscenza anch’egli indagato (attualmente all'estero), il 52enne avrebbe convinto i parenti di alcuni frequentatori della palestra ad investire ingenti somme di denaro, dietro la promessa mai esaudita di ottenere elevate rendite mensili perpetue. Attualmente il principale indagato è sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari in attesa degli interrogatori, mentre la moglie ed il promotore finanziario sono denunciati in stato di libertà.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie