Cronaca
Chiari

Lotta all’amianto: continua l'opera di bonifica

L’Amministrazione comunale è in azione per i controlli sul territorio cittadino.

Lotta all’amianto: continua l'opera di bonifica
Cronaca Bassa, 14 Ottobre 2022 ore 16:19

Via l’amianto dal territorio clarense. Continua l’azione dell’Amministrazione Vizzardi per la rimozione dell’amianto dal territorio di Chiari.

Lotta all’amianto: continua l'opera di bonifica

È di questi giorni l’avvio dell’importante bonifica all’ex scuola Turla. Infatti, sulle coperture di tre dei quattro fabbricati scolastici da demolire è presente l’amianto (materiale tipicamente usato per questo scopo nei fabbricati di quell’epoca). La bonifica è propedeutica alla realizzazione del nuovo grande parcheggio che sarà al servizio dell'intera collettività

Il censimento

È dello scorso giugno l’avvio della mappatura e del censimento di tutti i manufatti con presenza di amianto a Chiari. Un maxi progetto che l’Amministrazione Vizzardi ha avviato «fin dall’inizio del proprio mandato per la salvaguardia dell’ambiente, intesa non solo come tutela del territorio, ma soprattutto come miglioramento della qualità della vita e della salute dei cittadini».

Nello specifico, un incaricato di ECB (la società ECB Group Srl, autorizzata dal Comune) ha fatto visita ai proprietari o ai conduttori degli immobili in cui si ipotizza la presenza di manufatti in amianto per consegnare una lettera del Comune e illustrare gli adempimenti normativi e la documentazione obbligatoria da predisporre e poi, a seguire, ha effettuato una fase di censimento per verificare se i proprietari degli immobili con presenza di amianto avessero ottemperato a quanto previsto dalla normativa vigente.

Non solo. Il Comune si è occupato della bonifica dell'amianto presente sugli immobili pubblici, tra cui sull'ex Turla, sulla sede degli Alpini in Villa Mazzotti e sugli edifici del Centro Sportivo, nonché della verifica dell'assenza di fibre di amianto sull'immobile sede dell'Agenzia Entrate; oltre, appunto, del controllo costante dello stato di salute dell'amianto sugli immobili privati. Si tratta di un lavoro molto importante, che ha interessato 16 tonnellate di amianto bonificato e smaltito.

L'intervento

È noto che la presenza di fibre di amianto negli ambienti di vita e di lavoro può costituire un rischio per la salute di tutti: l’inalazione di polveri contenenti fibre rilasciate dai materiali che le contengono è la causa di gravi malattie dell’apparato respiratorio. Ecco perché, grazie al progetto dell’Amministrazione, non solo è possibile avere una chiara e piena conoscenza della presenza di amianto sul territorio, ma anche fornire la corrette informazioni ai cittadini per gestire le situazioni più critiche, senza creare inutili allarmismi, ma andando dritti alla soluzione del problema.

Queste le parole dell'assessore all'Ambiente, Chiara Facchetti.

Seguici sui nostri canali
Necrologie