CORONAVIRUS

Lombardia in zona arancione: cosa cambia da oggi

A dichiarare la Lombardia nuova zona arancione il presidente della Regione Attilio Fontana e il ministro della salute Roberto Speranza.

Lombardia in zona arancione: cosa cambia da oggi
Cronaca 29 Novembre 2020 ore 12:35

Lombardia in zona arancione: cosa cambia da oggi. Tutte le regole da seguire, in vigore da domenica 29 novembre.

Lombardia in zona arancione: cosa cambia da oggi

Ecco chi riapre e chi ancora resterà chiuso.
Tutte le indicazioni per potersi muovere nei prossimi giorni.

Riaprono i negozi

Riaprono tutti i negozi, senza limitazioni alle categorie di beni vendibili e, ovviamente, nel rispetto delle regole per il distanziamento interpersonale. Resta però lo stop durante le giornate festive e prefestive all’attività dei negozi che si trovano nei centri commerciali, ad eccezione delle farmacie e parafarmacie, dei presidi sanitari, dei punti vendita di generi alimentari, dei tabacchi e delle edicole. Le attività commerciali al dettaglio, invece, potranno continuare a lavorare.

Ristoranti e bar

Rimangono chiuse al pubblico le attività di ristorazione e bar. Consentite la vendita da asporto dalle 5 di mattina alle 22 di sera e la consegna a domicilio, senza limiti di orario.

Sport

Per quanto riguarda palestre, piscine e centri benessere le regole non cambiano: sono sospese le attività, fatta eccezione per le prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza per le attività riabilitative o terapeutiche. Gli allenamenti degli atleti, professionisti e non, che partecipano a competizioni ed eventi di rilevanza nazionale, continuano.

Consentito recarsi nei centri sportivi, pubblici e privati, del proprio Comune, o in assenza, in Comuni limitrofi, per svolgere attività sportiva di base, esclusivamente all’aperto.

Restano vietati gli sport di contatto e tutte le attività e competizioni a essi collegati.

Passeggiate, parchi, bicicletta

Si può fare una passeggiata per fare attività motoria o per portare a spasso il cane, ma sempre nel rispetto del coprifuoco dalle 5 di mattina alle 22 di sera.

È consentito l’accesso ai parchi per svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto.

È possibile utilizzare bicicletta per tutti gli spostamenti, mantenendo sempre la distanza di almeno un metro dalle altre persone.

Scuola

In zona arancione riprendono l’attività scolastica in presenza anche i ragazzi di seconda e terza media. Per le scuole superiori rimangono invariate le disposizioni che prevedono il 100% delle attività a distanza. Anche per le università le regole non cambiano: attività curriculari e formative a distanza, fatta eccezione per quelle relative al primo anno e per i laboratori.

Inviti a casa

È fortemente raccomandato di non invitare in casa persone estranee al nucleo familiare e, qualora non fosse possibile, indossare sempre i dispositivi di sicurezza.

Spostamenti

In zona arancione è consentito spostarsi all’interno del proprio comune, dalle 5 alle 22, senza necessità di motivare lo spostamento. Dalle 22 alle 5 di mattina sono vietati tutti gli spostamenti, tranne quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, di necessità o salute.

Restano vietati gli spostamenti verso altri Comuni o altre Regioni a meno che non vi siano, anche in questo caso, comprovate esigenze lavorative, di necessità, di studio, salute o per svolgere attività o usufruire di servizi assenti nel proprio Comune di residenza.

Per gli spostamenti verso altri Comuni, ma anche per quelli all’interno del proprio Comune svoltesi dalle 22 di sera alle 5 di mattina, bisogna sempre avere con sé l’autocertificazione, che motivi lo spostamento.

Seconde case

L’accesso alle seconde case all’intero del proprio Comune è sempre consentito nella fascia oraria dalle 5 di mattina alle 22 di sera. Nel caso si trovasse in un altro Comune, è consentito lo spostamento solo per necessità di porre rimedio a situazioni sopravvenute e imprevedibili.

Necrologie