Cronaca
Il caso

Liliana Segre non sarà cittadina onoraria di Adro

Il sindaco ha respinto la proposta dell'Anpi, lasciando però uno spiraglio per altre iniziative.

Liliana Segre non sarà cittadina onoraria di Adro
Cronaca Sebino e Franciacorta, 21 Gennaio 2021 ore 16:16

La proposta era stata inviata qualche mese fa dal presidente dell’Anpi Gualtiero Tonoli al sindaco Paolo Rosa. La richiesta? Concedere la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre che ha fatto sua la missione di raccontare gli orrori della Shoa per fare in modo che i giovani non dimentichino una delle pagine più nere degli ultimi secoli. E’ arrivata il 14 gennaio la risposta del sindaco che, benché riconosca l’importanza della Segre e soprattutto del prezioso lavoro che svolge nel mantenere viva la memoria, ha bocciato la proposta.

Liliana Segre non sarà cittadina onoraria

"Concordiamo con voi che la senatrice è senza dubbio una persona da ammirare – spiega nella lettera il sindaco Rosa – La terribile esperienza che ha vissuto e che ha segnato il secolo scorso deve essere raccontata per non correre il rischio di ripetere i tragici errori del passato". Tuttavia, per Rosa la cittadinanza onorario dovrebbe essere concessa a persone che hanno avuto, in qualche modo, a che fare con il paese o il territorio. "Non abbiamo avuto la fortuna di incrociare la storia della signora con la nostra e non avrebbe senso tracciare un legame che non c’è mai stato – continua Rosa – E’ invece positivo prendere ciò che di buono e condivisibile ha da dirci per migliorarci, su questo siamo d’accordo con voi. Siamo certi che troverete un modo appropriato per renderle onore". Una risposta che potrebbe quindi lasciare spazio ad altre proposte da parte dell'Anpi.

La scelta di altri Comuni bresciani

Altri Comuni bresciani hanno invece deciso di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. E' il caso ad esempio di Castegnato e di Lonato, che nel gennaio 2020 aveva assegnato il riconoscimento alla senatrice nell'ambito delle iniziative per la Giornata della Memoria.

Necrologie