Infomativa regionale

La variante Delta è la prevalente in Lombardia: l'85% dei positivi non è vaccinato

Il Pirellone ricorda che «i vaccini proteggono al 94% dal ricovero, al 97% dalla terapia intensiva e al 96% dalla morte».

La variante Delta è la prevalente in Lombardia: l'85% dei positivi non è vaccinato
Cronaca Brescia, 24 Luglio 2021 ore 12:00

Appare ormai consolidata in Regione Lombardia la prevalenza della variante Delta (indiana) rispetto alla variante Alpha (inglese) nei cittadini positivi al Covid, i cui tamponi vengono tutti genotipizzati per individuare la variante ed eventuali focolai.

L'85% dei nuovi positivi non è vaccinato

Secondo un'analisi della direzione generale Welfare, nel mese di giugno la Alpha aveva registrato una incidenza del 64 per cento sul totale e la Delta solo dell'11 per cento, mentre i dati relativi a luglio segnalano l'avvenuta inversione: Delta 59 per cento, Alpha 14 per cento. Su un totale di 22.135 genotipizzazioni eseguite in Lombardia sino a oggi, pari a 19.099 pazienti, la variante Delta nel complesso è stata identificata nel 10 per cento. L'85 per cento dei nuovi positivi, infatti, non risulta vaccinato, mentre il 9 per cento ha ricevuto una sola dose e solo il 6 per cento ha concluso il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni.

Secondo i dati dell'Istituto Superiore di Sanità, la vaccinazione anti-Covid, se si effettua il ciclo vaccinale completo, protegge al 94 per cento dal ricovero in ospedale, al 97 per cento dal ricovero in terapia intensiva e al 96 per cento da un esito fatale della malattia. È confermata quindi la validità della copertura vaccinale come protezione dal contagio, per evitare di sviluppare in maniera clinicamente importante la malattia in caso di positività dopo la vaccinazione, e anche per ridurre la trasmissione del virus. Regione, quindi, «ribadisce l'assoluta importanza della vaccinazione e l'invito a tutti coloro che ancora non hanno aderito alla campagna vaccinale ad attivarsi attraverso i consueti canali: portale, portalettere, Postamat, numero verde 800.89.45.45».

Necrologie