Cronaca
FRANCIACORTA

La scuola "smart" è già realtà: inaugurato il nuovo plesso di Bornato

L'inaugurazione ha coinvolto anche gli studenti, che si sono esibiti in uno spettacolo natalizio oltre al suggestivo lancio dei palloncini.

La scuola "smart" è già realtà: inaugurato il nuovo plesso di Bornato
Cronaca Sebino e Franciacorta, 18 Dicembre 2021 ore 14:31

Il taglio del nastro questa mattina alla presenza dell'Amministrazione, dell'opposizione politica, del parroco che ha benedetto la struttura oltre che di genitori e studenti.

La scuola "smart" è già realtà: inaugurato il nuovo plesso di Bornato

Una scuola concepita con i più alti standard di sicurezza e comfort.
È la nuova primaria di Bornato, frazione di Cazzago San Martino, inaugurata quest'oggi alla presenza di Amministrazione, opposizione, parroco, genitori e studenti.

Gli alunni sono stati accolti nel plesso da lunedì 13 e stamattina, dopo la recita natalizia, hanno partecipato attivamente al taglio del nastro.

È con grande entusiasmo e partecipazione, quindi, che è stato festeggiato questo grande traguardo, che rappresenta anche un importante punto d'inizio.
Dopo due anni di lavori, il sindaco Fabrizio Scuri ha presentato l'opera (avviata grazie alle precedente Amministrazione) sottolineandone le caratteristiche all'avanguardia.
"Ringrazio chi ha contribuito a rendere tutto questo possibile - ha dichiarato - Sono felice di essere qui e che i bambini siano i protagonisti di questo bel momento".
Al suo fianco la Giunta comunale e i consiglieri di minoranza.

"È importante  fare crescere umani con valori di solidarietà e pace" ha ricordato don Andrea Ferrari dopo la benedizione dell'istituto.
Ed ecco che, con comprensibile euforia, gli oltre bambini cento bambini si sono radunati all'ingresso per fare volare altrettanti palloncini (ecologici e biodegradabili) lanciando in cielo un messaggio speciale pronto a essere accolto da chi lo coglierà.

Il progetto

Una scuola a misura di bambino, così l'hanno definita i progettisti.
Sui due piani dell’edificio, oltre alle dieci aule per la didattica, ci sono un laboratorio di informatica, due aule polifunzionali, la mensa, la palestra e la sala insegnanti.
Le grandi finestre permettono inoltre di utilizzare al massimo la luce naturale mentre l'ampio giardino è sfruttabile per numerose attività.

La struttura è realizzata completamente in legno, dotata di impianti di ultima generazione che prevedono riscaldamento e raffrescamento a sostenibili con impianto di ventilazione meccanica controllata e deumidificazione funzionanti con energia elettrica e, non da meno, completata dall’impianto fotovoltaico che riveste la copertura.


“Le scelte che fa un amministratore”, commenta il sindaco di Cazzago San Martino, Fabrizio Scuri, “devono essere fatte in base alla situazione oggettiva in cui si viene a trovare. Non importa se la nuova amministrazione condivide o meno le scelte fatte per la scuola, che tra l’altro ricordo condizionerà anche la realizzazione della futura piazza di Bornato, il nostro dovere era portare a termine questa opera evitando di buttare soldi pubblici e quindi soldi di ogni cazzaghese. Stessa cosa avverrà per la scuola di Cazzago e per il centro diurno a Costa che saranno ultimati tra pochi mesi. Il comfort della scuola è ottimo e, al di là quindi dell’estetica dell’edificio che cercheremo di migliorare con inserimento del verde, ci sarà un importante beneficio per gli alunni e gli insegnanti”.

Necrologie