Menu
Cerca
ARTE URBANA

La LABA veste gli autobus della città con le opere degli studenti

"Gli studenti sono il vero patrimonio dell'Accademia e della città - ha dichiarato Gianluca Delbarba - Per questo è prioritario valorizzarli".

La LABA veste gli autobus della città con le opere degli studenti
Cronaca Brescia, 15 Maggio 2021 ore 10:19

Saranno sette i mezzi "wrappati" che dalle prossime settimane viaggeranno nelle vie del centro storico e non solo.

La LABA veste gli autobus della città con le opere degli studenti

Un lungo viaggio della durata di due mesi porterà le immagini degli studenti della LABA (Libera accademia Belle Arti) di Brescia in tutta la città.
Con la supervisione della professoressa Giovanna Magri, coordinatrice del Dipartimento di Fotografia di Laba, la mostra“Humanitas” diventa dinamica.
Un modus operandi che porta le opere fuori dai classici schemi espositivi e si trasforma in una traveling exhibition, a portata di tutti.

Protagoniste le opere degli studenti dell’Accademia, selezionate tra quelle in mostra nella storica sede di via Don Vender.

Presentazione

Per la presentazione stampa di lunedì (17 maggio), alle 10.30 partiranno da Piazza Vittoria a Brescia
due dei sette bus rivestiti con le immagini del dipartimento di Fotografia. Saranno presenti l’assessore alla
Mobilità del Comune di Brescia Federico Manzoni, il Presidente del Cda di LABA Gianluca Delbarba ed il presidente di Brescia Mobilità Carlo Scarpa.
Laba e Brescia Mobilità danno il via a una partnership in occasione della mostra “Humanitas”, curata
dagli studenti dell'Accademia e compresa nella programmazione dell’atteso evento “Brescia Photo
Festival 2021”.

Patrimoni

“Il tema del Brescia Photo Festival ovvero 'Patrimoni' non poteva che essere interpretato dai nostri studenti, il nostro vero patrimonio. Di LABA e della città - ha spiegato Delbarba - Abbiamo allestito una mostra che racconta di quei beni immateriali che si tramandano di generazione in generazione anche attraverso i racconti e le testimonianze. Sono beni fondamentali che hanno plasmato identità, che
collegano fasi storiche diverse, mostrandoci in modo evidente il senso dell’evoluzione che poggia sul
dialogo, sul rispetto reciproco, che solo la conoscenza può garantire. È uno degli impegni che anche LABA si vuole prendere con la sua città per dare ai bresciani strumenti che li aiutino ad apprezzare la bellezza che li circonda e a fare patrimonio condiviso”.

Necrologie