Cronaca

La comunità alfianellese saluta don Mauro

Dal 17 febbraio sarà il parroco di Isorella

La comunità alfianellese saluta don Mauro
Cronaca Bassa, 13 Gennaio 2019 ore 21:39

Dal 17 febbraio don Mauro sarà il parroco di Isorella. Oggi si è tenuta nel tardo pomeriggio in parrocchiale una celebrazione in suo onore

La comunità alfianellese ha salutato don Mauro

Dall’annuncio del trasferimento il giorno dell’Immacolata oggi è arrivato il momento dei saluti. Don Mauro Manuini, ha trascorso le festività natalizie con i suoi amati fedeli di Alfianello, concludendole oggi con il saluto, e dal 17 febbraio diventerà il nuovo parroco di Isorella.

La comunità non ha fatto mancare il supporto e una grande manifestazione di affetto nei suoi confronti. La parrocchiale era gremita, commossa, per il saluto al loro amico, al loro parrocco.

Don Mauro è stato la guida spirituale del paese bassaiolo dall'8 dicembre 2006 e proprio qui lo scorso giugno ha festeggiato il suo 25esimo anno di sacerdozio.

La cerimonia

Una celebrazione dal grande calore umano, resa ancor più emozionante dal gruppo adolescenti dell’oratorio alfianellese che si sono presentati con t-shirt e striscioni di ringraziamento al loro don. L’emozione è aumentata quando al termine della cerimonia i bambini hanno cantato al sacerdote una canzone che nelle strofe descriveva la figura dell’amico.

Saluti ufficiali

La voce del saluto della comunità è arrivata tramite il sindaco Matteo Zani, che ha ringraziato per i continui momenti di sinergia e di confronto. La parola è passata poi allo storico maestro Tomaso Romano, conosciuto in paese come “Zino”, che ha espresso l’affetto che la comunità alfianellese ha nutrito nei confronti del suo don.

I ringraziamenti

“Voglio ringraziarvi per tutto l’affetto che mi state dimostrando - ha commentato commosso don Mauro - Grazie per questi anni insieme, grazie per aver accettato e compreso i miei difetti e i miei limiti”.

Alfianello la comunità mentre ringrazia don Mauro Manuini
Alfianello la comunità mentre ringrazia don Mauro Manuini

Dopo il canto finale “Magnificat” e la benedizione, tutti i fedeli presenti alla cerimonia di saluto hanno alzato le loro braccia al cielo, mostrando tra le mani un foglio con la scritta “grazie”.

Necrologie